30 Maggio 2017

DIARIO IN PUBBLICO
Sul filo delle lacrime

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 4 minuti

Ormai è deciso. Si tratti delle sorti del mondo o di inneggiare al cinquantenario di Francesco Totti, la chiave magica che apre ogni porta è la lacrima. Lacrima salvifica, lacrima che monda, lacrima che sigla il trionfo. Quasi in disuso le lacrime per i reietti della terra. Quelle sono specialità di papa Francesco.

In una accaldata domenica ‘zappeggio’ svogliatamente la tv in attesa della quotidiana rinfrescante distribuzione di acqua (quindi della stessa sostanza delle lacrime) da erogare ai ‘ròsi’ (così la mia toscanissima allieva Elisa definisce i più usuali rosai)  e destino vuole che il telecomando s’impenni alla cronaca del ‘Paglio’. Soffro il calòr della domenica d’estate – vedi la canzone di Seba – ma rimango incantato dalla voce stentorea dell’annunciatore che in un maccheronico tentativo d’imitare un improbabile volgare padano del Quattrocento annuncia corse e palii. In questa lettura declamata la responsabilità di Andrea Camilleri nell’inventarsi una lingua simile al siciliano è palese.
Corrono i putti con lieve disturbo del vincitore e giù qualche lacrimuccia; corre la deliziosa putta sventolando la treccia e un caldo e riconoscente rivolo di lacrime la bagna; corre poi l’asina Cento lire – per me la vera star della giornata – cavalcata da una deliziosa fantina futura ingegnera, Valentina è il suo nome, che s’abbarbica al collo della sua adorata e orecchiuta  pet. Le lacrime sprizzano in ogni dove rinfrescando l’arsura del tardo pomeriggio.

Vado a rileggermi le parole di uno straordinario libro appena uscito per Feltrinelli che troneggia sul comodino tra Amos Oz e i racconti di Ester Kreitman Singer. Si chiama ‘Pets .Come gli animali domestici hanno invaso le nostre case e i nostri cuori’. L’autore, Guido Guerzoni, è il responsabile del progetto del Museo M9 di Mestre. Cinquantenne, due figli e una moglie. Scientificamente dimostra, come recita la quarta di copertina, che “Nessuno dei miei animali domestici sino a quando ho lasciato la casa dei miei genitori, ha mai ottenuto il permesso di viverci dentro, neppure i gatti e i cani. Ma trent’anni fa eravamo dei cavernicoli, oggi non li sfrattiamo nemmeno dai letti matrimoniali”. Meno pianto, invece, per la corsa nobile, quella dei cavalli sprezzanti e fieri che, nonostante un mossiere la cui unica formula nello stressante allineamento era la parola taumaturgica “calma”, galoppano facendo ricacciare indietro le lacrime. Soffoco la mia inevitabile contrarietà alla corsa dovuta non all’animalismo più malsano, ma a qualsiasi forma di sfruttamento delle bestie (lo so, lo so, ora ci si attacca al fatto che mangio carne ecc. ecc.), anche quelle della loro protezione come insegna Dudy. Tento di entusiasmarmi alla corsa: invano! Restano a farmi cacciare indietro una lacrimuccia le orecchie di Cento lire e la sorte che nelle guerre mondiali ebbero quei meravigliosi animali . Ma piango e di brutto la sera stessa a vedere ‘La legge del mercato’, vincitore a Cannes 2015 per il miglior interprete Vincent Lindon. Qui davvero le lacrime erano una necessità!

Poi vedere uno stadio intero inondato di lacrime, mentre singhiozza l’eroe abbarbicato ai suoi bambini mentre si offre, letteralmente si offre, al pianto di migliaia di persone è davvero uno spettacolo, un grande spettacolo.
Ma spettacolo resta.
Scommetto che per ragioni spettacolari pianga anche Donald Trump abbandonando per un momento il piglio sprezzante e burbero sotto la sua pop corn di capelli. E piangerà vedendo le parate militari anche Kim Jong-un cullandosi un missilino da passeggio.
Così il pianto perde la sua naturale connessione con il dolore e talvolta con la felicità. Resta come diceva la mia nonna illetterata uno ‘zfogo’.
Si può dunque credere ancora al pianto? Al pianto che scuote Giacomino nell’osservare la crudeltà della natura? Al pianto che sgorga dalle orbite vuote di Omero quando interroga i sepolcri come ce lo racconta Niccolò Ugo? Al pianto d Lucia o a quello più crudele della monaca di Monza nell’implacabile tensione morale di don Lisander?

Può dunque il pianto essere una testimonianza del male del mondo?
Io lo leggo solo nelle parole di un papa che si chiama Francesco.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • LE RINNOVABILI NON DECOLLANO…
    Le Comunità energetiche e solari sono una soluzione

  • ACCORDI /
    Gli Interpol e le luci del nuovo millennio

  • MEGALOMEN:
    L’Ombelico del mondo e la società dello spettacolo

  • interno autobus semivuoto

    Diario di un agosto popolare
    9. LA METRO, IL BUS E LO SCOOTER

  • Maternità parallele in un dramma collettivo:
    Almodóvar colpisce ancora

  • TERRA & ACQUA DA SCOPRIRE.
    La  Ciclabile Burana

  • Il treno di Margherita
    …un racconto

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi