Home > LE STANZE > Federico Di Bisceglie > Diario semiserio dei quattro ferraresi in viaggio.- Monaco di Baviera.Prima tappa.

Diario semiserio dei quattro ferraresi in viaggio.- Monaco di Baviera.Prima tappa.

Tempo di lettura: 2 minuti

Tradizionalmente il viaggio è considerato un arricchimento personale e un qualcosa da vivere appieno, cercando per quanto possibile di cogliere l’essenza piena di ciò che si sta vivendo. Per viaggio si può intendere un qualcosa di figurato, quindi un viaggiare con la mente, oppure un viaggio vero e proprio, che quindi presuppone di fatto due viaggi. Uno del corpo, accompagnato dalla mente. Per lo meno nella migliore delle ipotesi dovrebbe essere così. C’è chi ha appena terminato un “viaggio” di cinque lungi anni di liceo , fra gioie e dolori, soddisfazioni e insuccessi, che necessita di intraprendere un nuovo “viaggio” per rompere dalla monotonia che caratterizza inevitabilmente la vita quotidiana, prima di intraprendere il vero viaggio verso il mare sconfinato della vita. C’è chi fa il tradizionale “viaggio di maturità” per godersi unicamente la gioia delle feste e dei locali notturni, e c’è chi invece fa qualcosa di più costruttivo, legato comunque ad un possibile scopo di stampo culturale, senza dimenticarsi il divertimento. E poi ci siamo noi, I quattro ferraresi in viaggio. Ve li presento: a parte il sottoscritto, Nevio, la mente del gruppo, classico ragazzo studioso e diligente in tutto, Meno, il puntiglioso intelligente e all’occorrenza inutilmente pedante, e poi c’è Spencer, atleta, pensa solo al fisico, simpatico, ma con un unico grande difetto: spilorcio come pochi. Direi che non è male come quadretto della situazione, la compagnia è assicurata, e anche il divertimento.
La prima tappa designata per questo tour eroico all’insegna della filosofia di zaino in spalla e carta geografica alla mano è stata Monaco di Baviera. Prima di partire, leggendo le recensioni la compagnia si è fatta trascinare alla visita del museo di scienza e tecnica “Deutsches museum”. Nulla di particolarmente interessante, grande quantità di materiali e software interattivi, ma disposti in maniera del tutto disorganica. A parte quindi la tradizionale MarienPlatz, piacevolissima e molto interessante la visita alla Neue Pinakotheke, nella quale sono presenti numerosissime opere d’arte di autori del calibro di Van Gogh, Monet, Sisley e Klimt. Tra le altre è interessante un dipinto che ricorda il mito caro a Ferrara di San Giorgio e il drago.

La compagnia dei quattro ferraresi in viaggio vi aspetta. State con noi.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
L’estate dell’Ottanta
La vacanza, la bomba, la scelta di mio padre
I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – L’amore in viaggio
L’ultima brezza dell’anima
PER CERTI VERSI
In barca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi