Home > COMUNICATI STAMPA > Difesa della costa: inviato al Ministero il “progettone” di ripascimento

Difesa della costa: inviato al Ministero il “progettone” di ripascimento

logo-regione-emilia-romagna

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna
Ripascimento del litorale – Inviato al Ministero dell’Ambiente il “progettone” che prevede un finanziamento di 16,5 milioni di euro, di cui 1,5 resi disponibili dalla Regione. Gli interventi riguardano le province di Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna e Ferrara

Bologna – Un maxi progetto da 16,5 milioni di euro – 1,5 dei quali messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna e 15 richiesti al Governo – per mettere in sicurezza i tratti a più elevato rischio idrogeologico del litorale. Lo ha messo a punto l’Assessorato regionale alla Sicurezza territoriale e prevede una serie di interventi prioritari in vari comuni delle province di Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna e Ferrara.
Il cosiddetto “progettone” è stato inviato al Ministero dell’Ambiente, che nelle scorse settimane aveva chiesto di segnalare ulteriori interventi prioritari rispetto a quelli contenuti nell’Accordo di programma siglato con la Regione nel 2010.
“La difesa della costa è per noi una priorità assoluta: mentre attendiamo la risposta del Ministero, proseguiamo con le opere di manutenzione programmata, per le quali abbiamo confermato nel bilancio 2014 lo stanziamento di 1,2 milioni di euro – sottolinea l’assessore regionale alla Sicurezza territoriale Paola Gazzolo -. La sicurezza del nostro litorale è sinonimo di qualità ambientale, sviluppo economico e crescita delle comunità”.

Come si articola il progetto
Il progettone riguarda la messa in sicurezza dei tratti litoranei interessati da erosione, subsidenza e rischio di ingressione marina negli abitati attraverso il ripascimento con sabbie sottomarine. Si tratta del terzo intervento di questo tipo dopo quelli effettuati nel 2002 e nel 2007 e dopo la realizzazione del sabbiodotto permanente sotterraneo di Riccione inaugurato in novembre 2013.
Sono coinvolte le province di Rimini (comuni di Rimini, Riccione, Misano Adriatico, Bellaria-Igea Marina), Forlì-Cesena (Cesenatico), Ravenna (comuni di Ravenna e Cervia) e Ferrara (Comacchio). In particolare, le località interessate sono Misano Adriatico, Riccione sud, Igea Marina-Rimini nord, Cesenatico, Milano Marittima, Lido di Dante, Punta Marina e Lido di Spina.
L’area comprende circa 80 stabilimenti balneari, numerose attività commerciali dell’indotto turistico-balneare, otto centri abitati con le relative infrastrutture tecnologiche e di viabilità e alcune fasce naturali e protette collocate nel parco regionale del Delta del Po. Località molto esposte al rischio idrogeologico e già fortemente danneggiate dalle eccezionali mareggiate che in novembre 2012 colpirono il litorale emiliano-romagnolo, determinando ingenti danni per erosione alle spiagge ed alle arginature di difesa a mare degli abitati.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi