Home > PARTITI & DINTORNI > Direzione nazionale Pd. L’intervento di Marcella Zappaterra, capogruppo in Regione Emilia-Romagna

Direzione nazionale Pd. L’intervento di Marcella Zappaterra, capogruppo in Regione Emilia-Romagna

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Ufficio Stampa Gruppo Partito Democratico

Il Partito Democratico torna a riunirsi online. Lunedì 8 giugno si è svolta la prima Direzione nazionale dallo scoppio dell’emergenza coronavirus e il tema non poteva che essere la ripartenza economica e sociale del Paese.

Marcella Zappaterra, Capogruppo Pd in Emilia-Romagna, è intervenuta per evidenziare l’ondata crescente di “malessere e paura per il futuro che persone, imprese e attori sociali ed economici stanno esprimendo con sempre maggiore forza, e ai quali va data risposta con una visione unitaria, a livello nazionale, che sia chiara, innovativa ed equa”.

“La situazione potrebbe davvero diventare drammatica, ma abbiamo opportunità originate dalle risorse Europee, oggettivamente importanti e massicce, che possono aiutarci a rimettere in piedi il Paese e generare una vera ripresa. Il pericolo maggiore – secondo Zappaterra – potrebbe essere l’immobilismo legato alla burocrazia, ecco perché il Partito Democratico deve e può essere la forza di governo capace di indicare la strada e la marcia con cui percorrerla per far funzionare il Paese”.

“Investimenti nelle infrastrutture, per la scuola e la ricerca, per la sanità, per politiche a sostegno delle imprese e del lavoro grazie agli strumenti europei sono possibili ed è su questo che dobbiamo puntare. Non limitiamoci a garantire bonus o mance a pioggia, evitiamo le politiche meramente di stampo assistenzialista che alcuni stanno promuovendo in questo frangente, osiamo e ripensiamo lo sviluppo dell’Italia e dell’Europa puntando su tecnologia, sostenibilità, nuovi modelli di cura e socialità. – ha chiosato Zappaterra, prima di concludere – L’Italia metta in campo le risorse migliori di questo paese per ricostruirlo, senza improvvisazione ma con il coraggio di approfondire, condividere e alla fine decidere. Come spenderemo le risorse disponibili farà la differenza sulla qualità della crescita e dello sviluppo per i prossimi anni”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi