COMUNICATI STAMPA
Home > AVVENIMENTI > L’ANTICIPAZIONE
Diritto di rete. Storia di Asif Mohiuddin, vincitore del Premio Anna Politkovskaja 2015. A Ferrara per il festival di Internazionale

L’ANTICIPAZIONE
Diritto di rete. Storia di Asif Mohiuddin, vincitore del Premio Anna Politkovskaja 2015. A Ferrara per il festival di Internazionale

Shares

Lo hanno perseguitato, picchiato, ferito, arrestato. Hanno spento il suo blog, cercato di ucciderlo, di rubargli la voce e il pensiero. Ma non è servito. Il bengalese Asif Mohiuddin, 30 anni, vincitore dell’edizione 2015 del Premio giornalistico Anna Politkovskaja, istituito nel 2009 in occasione del festival di Internazionale, che si svolge a Ferrara in ottobre, non ha mai smesso di scrivere, parlare, difendere i diritti di donne e bambini del suo Paese, il Bangladesh. Di denunciare le aberrazioni di ogni fondamentalismo religioso, in particolare di quello islamico che, giorno dopo giorno guadagna terreno nel suo Paese. Lo ha fatto in modo laico e nel nome di una libertà d’espressione costata la vita a molti suoi colleghi e amici. La sua è un’esistenza a rischio, come quella di altri blogger, che seppure hanno lasciato il Paese, restano nell’occhio del ciclone, minacciati dagli estremisti di Allah sparpagliati in Europa.

 

“Non mi aspettavo di vincere il premio, è un riconoscimento che mi rende orgoglioso e mi spinge a fare il mio lavoro con sempre maggior professionalità”, dice con un pizzico di emozione. Sulla sua testa pende un processo per blasfemia, è accusato di essere un nemico dell’Islam e di aver diffamato il governo con i suoi commenti in rete. Il suo nome è finito insieme a quello di altri 83 colleghi in una lista nera stilata da una commissione di nove Imam nominata dalle autorità. Niente di buono, tanto che si è ritrovato dietro le sbarre dopo aver subito ogni sorta di interrogari. “Quando ero in carcere, hanno tentato di accoltellarmi, le prime settimane sono state davvero spaventose – racconta – erano tutti ragazzi, volevano uccidermi senza sapere il vero motivo per cui lo stavano facendo. Dietro a quel gesto c’era ignoranza, per questo sono convinto dell’importanza di incidere sul sistema educativo. La religione va insegnata come qualsiasi altra materia, non deve essere l’unico input e soprattutto non deve assoggettare le persone”. Una volta uscito dal carcere è espatriato, l’unica mossa per uscirne vivo, ma non senza rischi.

 

Amnesty International, Reporter senza frontiere, il gruppo bengalese di Bielefeld e dell’Hamburg Foundation for Politically Persecuted People, hanno fatto il possibile per dar voce al suo caso e garantirgli un anno “protetto” lontano dal Bangladesh. Far conoscere il caso di Asif non ha significato azzerare completamente i pericoli che ne accompagnano l’esistenza e la paura che li accompagna. I brutti ricordi sono sempre una presenza scomoda. Nel 2013 davanti alla porta del proprio studio, fu aggredito e accoltellato alle spalle per ben 53 volte, lo trovarono in una pozza di sangue. E a molti suoi colleghi e attivisti andò peggio.   “Ho perso tanti amici, assassinati, ma altri sono ancora in Bangladesh e continuiamo a sentirci attraverso la rete e il profilo face book. La situazione è molto pesante – racconta – Personalmente convivo con la paura da diverso tempo, sapevo di essere nella lista nera dei fondamentalisti, che mi hanno cercato anche all’estero”. Il diritto all’informazione, allo studio, alla libertà di espressione, però possono più della paura. E vivono sulla sua tastiera di blogger.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Ferrara economicamente arretrata? E’ una fake news
Verso le elezioni. Bernabei apre il confronto: “Voglio una città forte e gentile, nel rispetto dei diritti e dei doveri di tutti”
Elezioni a Ferrara. Candidato Sindaco: il carro davanti ai buoi
PER CERTI VERSI
Un sogno ferrarese

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi