Home > COMUNICATI STAMPA > Disposizioni anticipate di trattamento (testamento biologico) – Iscrizione nel registro comunale

Disposizioni anticipate di trattamento (testamento biologico) – Iscrizione nel registro comunale

Tempo di lettura: 2 minuti

Da ufficio stampa Comune di Copparo

Il Comune di Copparo ha attivato le “Disposizioni Anticipate di Trattamento-DAT”, conosciute anche come Testamento Biologico.

Le DAT sono state introdotte nell’ordinamento giuridico italiano, con la Legge n. 219 del 22 dicembre 2017 e sono gli atti con i quali una persona maggiorenne e capace di intendere e di volere esprime le proprie intenzioni in materia di trattamenti sanitari. Vale a dire il consenso o il diniego rispetto a accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e l’eventuale nomina, con atto scritto, di una persona di fiducia che la rappresenti nel rapporto con il medico e gli ospedali.

«Abbiamo risposto immediatamente a questa disposizione di legge – ha commentato l’assessora ai Servizi demografici Paola Bertelli – anzi, il Comune di Copparo ha istituito il Registro del Testamento Biologico nel 2011 con una delibera di Consiglio Comunale e fornendo la possibilità ai cittadini di depositare presso gli Uffici di Stato Civile il proprio testamento biologico».

Queste volontà vengono redatte dalla persona in previsione di una sua eventuale futura incapacità a prendere decisioni in autonomia e dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle proprie scelte.

«Un altro aspetto che voglio sottolineare – ha detto l’assessora Bertelli – si riferisce alla gratuità del deposito. Non ci sono costi. La richiesta di annotazione sull’apposito registro, i documenti contenenti le volontà del disponente e la loro conservazione presso il Comune sono esenti dall’obbligo di registrazione, dall’imposta di bollo e da qualsiasi altro tributo, imposta, diritto e tassa. Inoltre si può ottenere la cancellazione dal registro e ritirare le disposizioni anticipate di trattamento; basta fare richiesta scritta presentata personalmente dal disponente all’Ufficiale di Stato Civile del Comune. Infine – ha concluso Paola Bertelli – le DAT sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento.»

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi