Home > COMUNICATI STAMPA > Divieto di vendita per asporto di bevande ed il consumo in contenitori

Divieto di vendita per asporto di bevande ed il consumo in contenitori

Da: Comune

Emessa ordinanza sindacale n.47 del 16 agosto: divieto di vendita per asporto di bevande ed il consumo in contenitori di vetro, lattina a Comacchio (Fe) nel centro abitato delle località balneari di Porto Garibaldi, lido Estensi e lido Spina in occasione della manifestazione “Jova Beach Party” e della “notte bianca” di lido Estensi
Stante la necessità di assicurare il rispetto delle norme di civile convivenza e prevenire il verificarsi di eventuali fenomeni e comportamenti in grado di minacciare la sicurezza urbana e la pubblica incolumità, nonché di porre a rischio il decoro urbano ed ambientale, tutelando pertanto sia le persone che il territorio è stata emessa dal Sindaco di Comacchio l’ordinanza n.47 che prevede:

 1. il Divieto per i titolari di pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, di attività commerciali di vendita di cui al D. Lgs. n. 114/98, compresa la vendita con distributori automatici, di attività artigianali operanti nel settore alimentare (quali gastronomie, rosticcerie, pizzerie e piadinerie da asporto etc.), dei circoli privati, nonché di attività di commercio su area pubblica, ubicati all’interno dei centri abitati di Porto Garibaldi, Lido degli Estensi e Lido di Spina, di vendere per l’asporto ed il consumo di tutte le bevande in contenitori di vetro e/o in lattina, al fine di evitarne l’abbandono generalizzato e diffuso con i conseguenti, relativi pregiudizi e danni alla sicurezza urbana, alla pubblica incolumità ed al decoro urbano ed ambientale;

2. Il divieto di consumo di bevande in bottiglie di vetro e/o lattine o altro materiale idoneo ad offendere, nelle aree pubbliche o aperte al pubblico, all’interno dei centri abitati delle località indicate al punto precedente;

3. Il divieto a chiunque di introdurre o consumare bevande in contenitori di vetro o lattine o altri contenitori idonei ad offendere, all’interno dell’area della manifestazione del “Jova beach Party” denominata zona rossa.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi