Home > COMUNICATI STAMPA > Domani al Centro Teatro Universitario “Per mosse d’anima”, incontro con gli attori e registi Stefano Randisi ed Enzo Vetrano

Domani al Centro Teatro Universitario “Per mosse d’anima”, incontro con gli attori e registi Stefano Randisi ed Enzo Vetrano

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio Comunicazione ed Eventi Unife

“Per mosse d’anima”. E’ questo il titolo dell’incontro con gli attori e registi Stefano Randisi ed Enzo Vetrano, aperto a tutti, che si terrà domani, martedì 6 maggio alle ore 16.30 al Centro Teatro Universitario, (via Savonarola, 19), a conclusione del corso di “Fondamenti di regia teatrale”.
“Questo appuntamento – afferma Daniele Seragnoli, Direttore del CTU – rappresenta un’occasione per discutere i temi dell’interpretazione del teatro di Luigi Pirandello, oggi, con due artisti che si sono avvicinati all’opera del drammaturgo siciliano fin dal 1999 attraverso un originale e innovativo “Berretto a sonagli”. Il percorso è successivamente proseguito con gli allestimenti di “L’uomo, la bestia, la virtù”, “Pensaci, Giacomino!”, “I Giganti della montagna”, “Per mosse d’anima (monologhi, dialoghi e racconti pirandelliani), “Fantasmi” (da “L’uomo dal fiore in bocca” e “Sgombero”, con frammenti da “Totò e Vicè” di Franco Scaldati), fino a “Trovarsi” (sola regia)”.
Pluripremiati negli ultimi anni quali maggiori “lettori” odierni del teatro pirandelliano in una chiave non tradizionalista, Randisi e Vetrano sono considerati artefici di un lavoro di regia “rigoroso e scarno ma che sa al momento giusto fare uso di una teatralità semplice che non rinuncia all’emozione e al coinvolgimento” (dalla rivista “Hystrio”, 2010 a proposito dei “Giganti della montagna”).
Nel corso dell’incontro sarà inoltre presentato e proiettato il film-documentario “Per mosse d’anima-Frammenti da Pirandello”, prodotto dalla RAI e diretto da Randisi e Vetrano nel 2013.
Il film costituisce il proseguimento del percorso nel mondo pirandelliano attraverso la realizzazione di un’opera documentaria che i due autori definiscono come “un viaggio che attraversa la vita e le opere di Pirandello seguendo un doppio percorso fra il ricordo di vicende personali e il concretizzarsi di personaggi e azioni sceniche da lui immaginate e descritte: frammenti di spettacoli, monologhi e dialoghi tratti da testi letterari e teatrali”.
“Nel film-documentario – spiega Seragnoli – oltre a Vetrano e Randisi appaiono altri compagni di viaggio che raccontano il loro contatto con Pirandello: attori, scrittori, giornalisti, spettatori, gente di teatro dentro e fuori le quinte. Ne esce una forte testimonianza tra memorie presenti o passate, con parole, immagini, emozioni che seguono la voce del grande Maestro il quale chiedeva ai suoi attori di agire sempre ‘per mosse d’anima’, per innescare una perfetta circolarità tra personaggio e interprete. La stessa che oggi può ‘affascinare’ e catturare gli spettatori moderni rendendo ancora tangibile il senso del teatro come viva esperienza umana”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi