Home > COMUNICATI STAMPA > Domani scoppia la guerra del latte: blitz di migliaia di allevatori con mucche e trattori

Domani scoppia la guerra del latte: blitz di migliaia di allevatori con mucche e trattori

da: ufficio stampa Coldiretti Ferrara

In centinaia anche dall’Emilia Romagna lasciano le stalle per partecipare all’assedio. Gulinelli: “Comportamento inaccettabile da parte delle industrie, contrario anche alla norma comunitaria che impone di commisurare i prezzi ai costi di produzione”.

Scoppia in Italia la guerra del latte con migliaia di allevatori della Coldiretti provenienti dalle diverse regioni, che con trattori e mucche al seguito, lasciano le campagne per difendere il lavoro, gli animali, le stalle, i prati ed i pascoli custoditi da generazioni. Centinaia saranno gli allevatori che si muoveranno anche dall’Emilia Romagna per difendere gli allevamenti della regione insieme a quelli del resto d’Italia.
Nell’ultimo anno si è verificata una vera strage delle stalle con l’Italia che rischia di perdere per sempre la propria produzione di latte che agli allevatori viene sottopagata al di sotto dei costi di produzione, su valori che non consentono neanche di dare da mangiare agli animali e costringono alla chiusura, con effetti irreversibili sull’occupazione, sull’economia, sull’ambiente e sulla qualità dei prodotti. La vita o la morte delle stalle italiane dipende da pochi centesimi al litro di latte prodotto.
Ad avvantaggiarsene sono le importazioni di bassa qualità che vengono spacciate come Made in Italy per la mancanza di un sistema trasparente di etichettatura. Gli allevatori italiani si ribellano e prendono d’assedio con un vero blitz obiettivi sensibili e significativi.
Domani, sabato 7 novembre 2015, dalle prime ore del giorno migliaia di allevatori della Coldiretti provenienti da diverse regioni cingeranno d’assedio il centro di distribuzione dei prodotti della multinazionale del latte francese Lactalis, che dopo aver conquistato i grandi marchi nazionali Parmalat, Galbani, Invernizzi e Locatelli è diventata il primo gruppo del settore. L’appuntamento è in via Guglielmo Marconi 10 a Ospedaletto Lodigiano (Lodi) a meno di un chilometro dall’uscita “Casalpusterlengo” dell’autostrada A1, proseguendo sulla ex strada statale 234 Mantovana.
“Gli allevatori italiani chiedono il rispetto della legge 91 del luglio 2015 che, in esecuzione dei principi comunitari, impone che il prezzo del latte alla stalla debba commisurarsi ai costi medi di produzione – sottolinea il presidente di Coldiretti Ferrara, Sergio Gulinelli – e quindi alla possibilità per l’intera filiera zootecnica di sostenersi. Il problema infatti riguarda tutti i comparti che ruotano attorno al settore: dalla produzione di cereali e foraggi per l’alimentazione, ai mezzi tecnici, alle attrezzature, ai trasporti, ai posti di lavoro. Insomma dobbiamo parlare di un prezzo giusto.”
Tutti i dati e le contraddizioni del settore saranno svelati dal Dossier “L’attacco al latte italiano, fatti e misfatti” che sarà presentato nell’occasione alle ore 9,30 di domani.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi