COMUNICATI STAMPA
Home > IL QUOTIDIANO > Dottor Bau, medici a quattro zampe

Dottor Bau, medici a quattro zampe

Shares

Chi non ha mai posseduto un cane, non può sapere che cosa significhi essere amato. (Arthur Schopenhauer)

INGRESSO CONA_bassa

I nostri amici animali possono essere un immenso valido aiuto in ogni momento della vita, ci stanno accanto ogni giorno senza chiedere molto, ci accolgono con amore anche quando meno ce lo aspettiamo. Il loro ruolo durante una malattia, poi, è quasi miracoloso. Si è parlato molto di pet therapy, intendendo con essa una terapia dolce, basata sull’interazione uomo-animale, che integra, rafforza e coadiuva le tradizionali terapie e può essere impiegata su pazienti affetti da differenti patologie con obiettivi di miglioramento comportamentale, fisico, cognitivo, psicosociale e psicologico-emotivo. La presenza di un animale permette in molti casi di consolidare un rapporto emotivo con il paziente e, tramite questo rapporto, stabilire un canale di comunicazione paziente-animale-medico e stimolare la partecipazione attiva del paziente. Fu lo psichiatra infantile Boris Levinson a enunciare, per la prima volta, intorno al 1960, le sue teorie sui benefici della compagnia degli animali, che egli stesso applicò nella cura dei suoi pazienti. Oggi la pet therapy, che coinvolge generalmente un professionista del campo sanitario, un medico veterinario, un coadiutore dell’animale e un coordinatore d’intervento (psicologo, educatore, infermiere etc.), trova ampia applicazione in case di riposo, ospedali e comunità di recupero. L’animale è individuato a seconda del paziente, in base alle sue preferenze, alle sue capacità psico-fisiche, e anche alle sue allergie, fobie e risposte emotive fin dalle prime sedute. Cani, gatti, cavalli, asini, delfini, tutti possono aiutare. Oggi però ci occuperemo di cani, non solo per il mio amore immenso per questo animale (che, in questo caso, non conta) ma per l’impiego che se ne sta facendo a Ferrara, all’Ospedale Sant’Anna di Cona, grazie a un gruppo eccezionale di persone, di cui vi parleremo, Tiziano e Sara in primis. Se poi avete visto il commovente film Pet Therapy, Un cane per amico (2008), di George LaVoo, con Jeff Bridges, comprenderete ancora meglio come il solitario e silenzioso scrittore Jon Katz, che sta vivendo una crisi creativa dopo la separazione dalla moglie, esca dal suo stato di apatia solo quando un canile gli affida un Border Collie irrequieto e indisciplinato, segnato dai maltrattamenti subiti in passato…

cani-dottori-per-pet-therapy

Anche il Ministero italiano della Salute (vedi)  sottolinea come, nei bambini con particolari problemi, negli anziani e in alcune categorie di malati e disabili, il contatto con un animale possa aiutare a soddisfare certi bisogni fondamentali (affetto, sicurezza, relazioni interpersonali) e a recuperare alcune abilità che queste persone possono aver perduto. I bambini, poi, hanno una reazione particolare, i bambini, questa meraviglia. Alcune recenti esperienze, continua il Ministero, condotte in Italia su piccoli pazienti ricoverati in reparti pediatrici nei quali si è svolto un programma di Attività Assistite da Animali (AAA), dimostrano che la gioia e la curiosità da loro manifestate durante gli incontri con l’animale consentono di alleviare il disagio dovuto alla degenza, tanto da rendere più sereno il loro approccio con le terapie e il personale sanitario. Le attività ludiche e ricreative organizzate in compagnia e con lo stimolo degli animali, il dare loro da mangiare, il prenderli in braccio per accarezzarli e coccolarli hanno lo scopo di riunire i bambini, farli rilassare e socializzare tra loro in modo da sollecitare contatti da mantenere durante il periodo più o meno lungo di degenza, migliorare, cioè la qualità della loro vita in quella particolare contingenza. Un sostegno davvero grande e importante.

Ecco allora che, Sabato 28 Novembre, è stato effettuato il primo sopralluogo presso l’ospedale di Cona per portare sostegno ai bambini ricoverati: gli amici pelosi Cipolla (il capo…), Polly, Barny e Bianca, assieme al Responsabile Scientifico Francesca Bissi (veterinaria comportamentalista) e a Teresa Cavalletti (Educatrice Cinofila), hanno fatto la loro visita al reparto pediatrico per portare cura e assistenza ai bambini ricoverati.

pet-therapy

Il progetto è stato creato e sviluppato dalla onlus Vola nel Cuore (http://www.volanelcuore.it), importante associazione di volontariato che da dieci anni opera a favore dei bambini all’interno dei reparti pediatrici, mediante la figura di “Claun” che da tempo stava lavorando al Progetto Cipolla.

 Tiziano Menabò, Presidente responsabile della Onlus, e Sara Chendi, Medico Veterinario nonché volontaria di Vola nel Cuore e collaboratrice, hanno voluto esaudire il desiderio del volontario/collega/amico Cipolla deceduto prematuramente nel 2014. Amante dei bambini e degli animali, da sempre esprimeva il desiderio di coesione tra “Claun” e animale come terapia per alleviare le sofferenze psicologiche dei piccoli degenti.

Cipolla è anche il nome della mascotte del Progetto, una cagnolina salvata da un canile di Reggio che sta ancora lavorando per diventare un’amica di corsia per i bambini.

 Dopo una conferenza stampa il 3 Dicembre con la direzione ospedaliera, sabato 5 dicembre, è iniziato il percorso che ha visto protagonisti i bambini assieme a queste magnifiche creature a 4 zampe, incontratisi presso la sala giochi del reparto di pediatria. A gennaio 2016, poi, l’Associazione Chiaramilla (http://www.chiaramilla.it) riprenderà il progetto “Con un balzo di coda…”, svolgendo Attività Assistite da Animali presso il Reparto di Onco-ematologia Pediatrica e presso la Medicina Riabilitativa del S. Giorgio.

Zampette, manine, carezze e giochi per qualche tempo allevieranno momenti impegnativi, accompagnando, magari, un tenero ricordo ad uno più difficile, complesso e duro.

IMG_4972

http://www.volanelcuore.it

L’associazione di volontariato Vola nel Cuore onlus opera sul territorio di Ferrara ed in particolar modo presso l’ospedale S. Anna, nei reparti di Pediatria e Neonatologia, con cui ha una regolare convenzione dal febbraio 2005. L’obiettivo storico dell’Associazione era di dare assistenza ospedaliera pediatrica gratuita ai piccoli pazienti ricoverati sostituendosi, con i propri volontari, ai genitori nel caso gli stessi fossero impossibilitati o assenti. Oltre all’attività di assistenza ospedaliera, dal 2007, la Onlus:

  • dona attrezzature mediche indispensabili ai reparti ospedalieri;
  • svolge attività ricreative presso i reparti pediatrici: il sabato visita i bambini con i suoi volontari claun (clown) formati per questo tipo di servizio;
  • sviluppa progetti per il benessere dei bambini ospedalizzati;
  • fa parte del Coordinamento Associazione Volontariato Protezione Civile di Ferrara.

http://www.chiaramilla.it

L’Associazione ChiaraMilla è impegnata in diversi progetti di AAA svolti sul territorio dell’Emilia Romagna. Lo scopo delle varie attività è principalmente quello di migliorare lo stato di benessere delle persone che sono per lo più costrette a vivere situazioni di disagio.

http://www.bringpet.com/

E’ il social network che permette di trovare i locali commerciali che accettano l’ingresso di animali domestici e consente agli utenti di lasciare il proprio feedback in relazione alle caratteristiche degli esercizi commerciali recensiti e dei servizi disponibili. Sostiene il “Progetto Cipolla”.

Fotografie di Progetto Cipolla, gentile concessione di Tiziano Menabo’

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Il vecchio Sant’Anna del tempo che fu
Il canile della discordia
L’APPELLO
Cani migranti in fuga dal sisma e in cerca di affetto
LA NOTA
Cani blu, gatti verdi e cavalli viola

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi