Home > COMUNICATI STAMPA > “E’ davvero il momento del confronto tra ristorazione tradizionale e sagre”: l’intervento della Fipe Ferrara

“E’ davvero il momento del confronto tra ristorazione tradizionale e sagre”: l’intervento della Fipe Ferrara

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa Ascom Ferrara

“E’ arrivato il momento di stabilire davvero un percorso di confronto e dialogo comune sul tema sagre – auspica il presidente provinciale della Fipe Matteo Musacci – soprattutto ora in occasione del Misen (che ne metterà ai fornelli circa un centinaio) che si svolgerà dal prossimo 25 aprile nel quartiere fieristico a Ferrara. Sia chiaro che – come sindacato che tutela la ristorazione tradizionale – non siamo certo contro la sagre che valorizzano il prodotto tipico, i centri storici del territorio e che si muovono pienamente nel rispetto delle regole sanitarie e lavorative.
Come Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi del sistema Confcommercio – in rappresentanza sul territorio provinciale di settecento soci tra ristoranti, bar, pizzerie – ci opponiamo alle sagre che promozionano prodotti non di certo tipici e che non rispettano le norme igienico-sanitarie e quelle in materia di lavoro, condizione necessaria per un ristoratore tradizionale per poter aprire un’ attività, creando così una concorrenza sleale. Non siamo contrari alle sagre in modo pregiudiziale: il nostro obiettivo è di creare un albo certificata delle sagre, in accordo con la loro Associazione. che condividano davvero il nostro disciplinare e che raccolga davvero solo quelle di qualità: infatti giusto a settembre scorso – proseguono dalla Fipe di Ferrara – abbiamo lanciato una proposta di decalogo, articolata su una decina di punti, per disciplinare in modo propositivo il mondo delle sagre in modo da aprire scenari di collaborazione, veri e rispettosi, tra la ristorazione tradizionale e le sagre autentiche. Un tema sul quale peraltro siamo intervenuti a più riprese come Ascom e Fipe durante il 2013 proprio per sottolineare l’urgenza di trovare una soluzione. Perché non trovarci a conclusione del Misen, a fine aprile, per iniziare davvero a confrontarci e creare le basi per un disciplinare condiviso che realizzi davvero Sagre dalla Qualità Certificata che oltre a prevedere il rispetto rigoroso di tutta una serie di requisiti igienico sanitari preveda una loro collocazione nei centri storici e soprattutto che puntino alla promozione del prodotto tipico? Al presidente dell’associazione Sagre e Dintorni, promotore del Misen, lanciamo la sfida della collaborazione per il bene del territorio in tutte le sue componenti” concludono dalla Fipe.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi