Home > ACCORDI - il brano della settimana > È tempo di relax, è tempo di Santori
Tempo di lettura: 2 minuti

Devo confessare una cosa orribile.
Me la tengo dentro ormai da un po’ e sono sul punto di esplodere.
So che suona male ma ogni volta che vedo/sento parlare Mattia Santori mi viene una cosa strana allo scroto, tipo come se fosse sul punto di staccarsi per poi cadere per terra e diventare una specie di strano fossile.
Lo so, è brutto da dire ma lo dovevo dire.
Anni fa mi capitava di guardare “la Melevisione” al pomeriggio perché mio fratello era piccolo e apprezzava molto Tonio Cartonio e tutti i suoi “amici del Fantabosco” (cit.).
Purtroppo, vedendo e sentendo le cose che dice questo Mattia Santori, devo dire che ho iniziato a capire mio fratello.
Tonio Cartonio, confrontato con questo Mattia Santori, recupera un carisma, una cazzimma e anche una simpatia che boh, raggiunge quasi il buon caro Walter Audisio in una splendida giornata di aprile.
Farsi superare da Tonio Cartonio non è roba da tutti ed è giusto riconoscere i giusti meriti a Mattia Santori.
Espletate queste funzioni, mi sembra giusto ribadire che anche il tanto vituperato “odio” ne espleta altrettante e, a mio modo di vedere, ben più importanti di quei pensierini da prima elementare che Mattia Santori e i suoi amici hanno tentato di spacciare per “manifesto”, “programma” o come han voluto chiamare quei 6 punti di cui sembrano andare così orgogliosi.
L’odio è una cosa seria e fondamentale, anche per capire chi si è e cosa si vuole.
Non ci vuole un genio per capire che fra i Partigiani – citati anche dal candido Mattia Santori – un bel po’ di sacrosanto odio carburasse bello peso.
E per fortuna, dico io.
Detto questo, adesso non so più se andare in bagno a farmi una medicazione in quel posto là che ho detto prima o dedicarmi alla scrittura di un pratico e gioviale pamphlet sulle virtù dell’odio ma – visto che non riesco a decidermi – chiudo con il pezzo della settimana.

Solo Odio (Impact, 1984)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Uomini che odiano le donne
È fatto di persone
Biasanott
Una stagione all’inverno

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi