COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Eat to Meet, una bella serata a cena con i giovani imprenditori della Cna

Eat to Meet, una bella serata a cena con i giovani imprenditori della Cna

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa Cna Ferrara

Pienamente riuscito l’incontro alla Sala San Francesco, che ha visto la partecipazione di oltre 70 persone. L’iniziativa basata sul piacere di stare insieme per conoscersi e costruire relazioni economiche

Un bel clima, del tutto improntato alla informalità, ha caratterizzato l’incontro dei giovani imprenditori della Cna di Ferrara “Eat to Meet”, mercoledì sera, a Ferrara. Lo sfondo austero della Sala San Francesco ha fatto da cornice ai fitti dialoghi, intrecciati attorno alle tavolate, di giovani intenti a conoscersi e a parlare del proprio lavoro, dei problemi ma anche della passione per il proprio mestiere: difficile, ma fatto di entusiasmo e forte impegno.
“Fare rete è fondamentale per stare sul mercato”, ha ricordato nel proprio saluto agli intervenuti la presidente nazionale dei Giovani imprenditori Cna Stefania Milo. Ma per farlo le strade possono essere diverse.
“Nel nostro mestiere è difficile coltivare le relazioni tra le persone – ha, quindi, ragionato a voce alta la giovane imprenditrice di una famosa azienda di comunicazione del Ravennate, Marianna Panebarco – ma se non si dà il giusto valore alle relazioni, diventa tutto più difficile, per lo stesso nostro lavoro”.
E’ necessario, dunque, saper alimentare continuamente la capacità di dialogo. Ed è questo, infatti, il senso di questo incontro Eat to Meet, come ha puntualizzato Matteo Fabbri, presidente provinciale di Cna Giovani Imprenditori, aprendo la serata alla quale sono anche intervenuti, per un breve saluto, la presidente della Provincia Marcella Zappaterra e il presidente della Camera di Commercio Paolo Govoni.
Dopo i saluti e l’aperitivo, la parola è toccata agli oltre settanta imprenditori intervenuti alla serata, che hanno cambiato tavolo ad ogni portata, per favorire il massimo di circolarità e conoscere quanti più colleghi possibile. Il tutto, con la massima disponibilità e disinvoltura, Anche per il contributo del moderatore Roberto Ferrari.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi