COMUNICATI STAMPA
Home > ECOLOGICAMENTE / RUBRICA > ECOLOGICAMENTE
Frane e alluvioni, da pericolo a certezza

ECOLOGICAMENTE
Frane e alluvioni, da pericolo a certezza

alluvione-parma

Lo dice l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale): la maggior parte dei Comuni sono a rischio per frane e alluvioni.
Più di 7 milioni di persone risiedono in aree a rischio frane e alluvioni e addirittura oltre 1 milione vive in aree a pericolosità da frana elevata e molto elevata (P3 e P4), mentre quasi 6 milioni vivono in zone alluvionabili classificate a pericolosità idraulica media P2 con un tempo di ritorno fra 100 e 200 anni. L’Italia, infatti, ha un’area di oltre 22mila kmq, pari al oltre il 7% del territorio nazionale, interessata da fenomeni franosi. In Emilia Romagna è quasi il 15%. A questa si aggiungono le aree a pericolosità idraulica (alluvioni) con altri 12mila Kmq a pericolosità elevata e 24mila a pericolosità media (di cui la metà in Emilia Romagna).
A presentare questi dati è il Rapporto Ispra “Dissesto Idrogeologico in Italia”, che fornisce una conoscenza completa e aggiornata sulla pericolosità da frana, idraulica e di erosione costiera dell’intero territorio nazionale. L’Emilia-Romagna, insieme a Campania, Toscana, Liguria è tra le regioni con i valori più alti di popolazione a elevato rischio frana, anzi i numeri più rilevanti di popolazione a rischio alluvione, nello scenario di pericolosità idraulica media P2, si riscontrano proprio in Emilia-Romagna (insieme a Toscana, Veneto, Lombardia e Liguria).
A livello comunale, è a rischio l’88,3% delle realtà italiane. In Italia, quasi 80.000 unità locali di imprese (circa l’1,7%) si trovano in aree a pericolosità da frana elevata e molto elevata per un totale di oltre 200.000 addetti a rischio. I beni culturali, architettonici, monumentali e archeologici, potenzialmente soggetti a fenomeni franosi sono 34.651 (18,1% del patrimonio totale), dei quali oltre 10.000 rientrano in aree a pericolosità elevata e molto elevata. Nello scenario di pericolosità media delle alluvioni ricadono circa 29.000 monumenti. Tra le regioni con il numero più alto di beni a rischio nello scenario medio, è ovviamente presente l’Emilia-Romagna (insieme a Veneto, Liguria e Toscana). Tra i comuni, spiccano le città d’arte di Venezia, Ferrara, Firenze, Ravenna e Pisa.

Per chi vuole saperne di più consiglio di visitare la nuova piattaforma web di #italiasicura, basata sulle linee guida del Governo per i siti web della pubblica amministrazione. Vi si trovano anche i dati su frane, alluvioni, emergenze, cantieri, progetti, interventi per la riqualificazione dell’edilizia scolastica.

Per approfondire
www.isprambiente.gov.it/it/events/frane-e-alluvioni-in-italia-le-mappe-dellispra-e-la-nuova-piattaforma-web-di-italiasicura
www.geoviewer.isprambiente.it
mappa.italiasicura.gov.it

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Le virtù del buon senso
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
“Libriamo” la Gad
Cinque bufale più una verità sul clima che cambia
ECOLOGICAMENTE
L’assetto idrogeologico nel tempo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi