Home > IL DOSSIER SETTIMANALE > Ambiente: la cura della casa comune > ECOLOGICAMENTE
Gestione dei rifiuti: le cose ovvie che non facciamo
Tempo di lettura: 5 minuti

Il ciclo dei rifiuti urbani e la gestione degli stessi (raccolta e smaltimento) ha un profondo impatto sull’ecosistema, sull’economia dei servizi pubblici, ma anche sulla salute e sulla politica industriale di un territorio. La conoscenza di questi impatti è un elemento fondamentale per la qualità del processo e deve essere messa a disposizione di tutti gli interlocutori del sistema per perseguire un’attenta politica ambientale orientata alla sostenibilità utilizzando importanti strumenti di rating. Il nuovo testo unico sui servizi pubblici locali, in corso di approvazione, inserisce novità importanti, a partire dalla eliminazione del regime di privativa dei Comuni alla fine di questo anno. Lo schema di decreto tracciato dalla legge «Madia» (legge 124/2015) infatti prevede la soppressione dei regimi di privativa ed esclusiva non conformi ai princìpi generali in materia di concorrenza. Si tratta di un grande cambiamento (correttivo all’art. 198 del dlgs 152/2006, comma 1-bis) per il quale il regime di privativa dei comuni ai fini della gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento cesserà in ogni caso alla data del 31 dicembre 2016. Questo comporta che saranno necessarie delle ricognizioni puntuali per verificare le condizioni al nuovo regime.
Mi permetto allora di fare alcune considerazioni di principio che mi auguro siano da tutti condivise. Cerco di individuare dunque le principali componenti del settore in modo da permettere una possibile valutazione comparata sia delle priorità sia delle necessità da cui non prescindere; insomma alcuni presupposti generali che è auspicabile siano seguiti.
Partirei presentando i dati caratterizzanti il territorio al fine di individuare i flussi di rifiuti e le possibilità di gestione del sistema integrato. Può sembrare banale, ma deve essere obbligatoriamente soddisfatto il bisogno di informazioni e le disponibilità di valori quantitativi affidabili in quanto la conoscenza dei dati è elemento fondamentale necessario per tutti non solo per chi ci lavora.

Aspetti economici. La valutazione economica è l’elemento di riferimento per verificare l’efficienza e l’efficacia del sistema in modo da produrre la necessaria economicità del servizio. Troppo spesso questa analisi economica viene erroneamente tenuta nascosta ai cittadini che poi pero devono pagare. Gli aspetti economici devono essere invece parte integrante del sistema in modo da rendere omogeneo il metodo di riconoscimento economico delle spese e le loro attribuzioni al sistema tariffario.

Un’efficace azione di controllo sul gestore. In particolare, la definizione di indicatori di performance e il conseguente confronto tra il livello di servizio fornito e le aspettative degli utenti, che consenta da un lato un’analisi delle priorità del servizio e dall’altro, fornisca informazioni utili per la trasparenza del servizio pubblico. Nell’ambito dei servizi pubblici, risulta di fondamentale importanza l’acquisizione di un’informazione approfondita, relativa sia al funzionamento del servizio sia alle esigenze degli utenti. La valutazione degli indicatori di performance consente un’interazione tra l’erogatore del servizio e i cittadini, fornendo a questi ultimi informazioni relativamente agli obiettivi, ai costi e ai risultati del servizio offerto, favorendo di conseguenza un loro diretto coinvolgimento nel processo decisionale.

La collettiva conoscenza di un Piano industriale che possa muoversi verso il miglioramento dell’efficienza dei servizi per aumentare la qualità delle prestazioni; dunque la necessità di percorrere analisi di tipo tecnico-economico finalizzate ad individuare: possibilità e strategie di ottimizzazione dei servizi di raccolta erogati; possibilità e strategie di ottimizzazione/avvio utilizzo impianti e infrastrutture a servizio del ciclo dei rifiuti urbani nel loro complesso (compreso quindi sia le raccolte differenziate sia i rifiuti residuali sia il tema dell’assimilabilità). Il miglioramento della gestione dei servizi pubblici locali deve concorrere a elevare la qualità dei servizi per il cittadino; contenere le tariffe; promuovere cultura di sostenibilità ambientale.

La Comunicazione. E’ importante poter dialogare informando, facendo conoscere i pro e i contro di ogni soluzione tecnica e gestionale, coinvolgendo sugli obiettivi e sui principi, ricercando la collaborazione dei cittadini affinché gli impianti possano trovare collocazione, i servizi possano essere utilizzati nel modo migliore e le modalità di informazione siano percepite, diffuse e condivise. E’ importante che la funzione del comunicare e le politiche di comunicazione pubblica siano riconosciute da chi ha responsabilità nei servizi pubblici perché si tratta di attivare uno strumento fondamentale per promuovere l’amministrazione e i suoi servizi, per assicurare ai cittadini il miglior livello di informazione. La comunicazione pubblica va pensata come una concreta opportunità per migliorare gli stessi servizi pubblici. Le informazioni devono essere trasparenti e condivise. I cittadini devono essere a conoscenza dei principali dati di gestione. Devono essere presentati periodicamente dei report di andamento e deve essere garantito un sufficiente livello di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini.

Sono convinto di avere detto delle cose ovvie. Ma la domanda è: sono principi applicati ?

Commenta

Ti potrebbe interessare:
ECONOMIA E SOCIETA’ NEL TEMPO DEL CORONAVIRUS:
una storia diversa da quella che ci raccontano
Insegnamento a distanza?
10 piccole certezze contro le ambiguità scolastiche
Il TAVOLO FINALMENTE !
Riparte il confronto per ripubblicizzare il servizio rifiuti
Curiosi e sorprendenti.
Quando a stimolare la ricerca sono i più piccoli

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi