Home > PARTITI & DINTORNI > Emilia Romagna: approvata la legge per i lavoratori delle piattaforme digitali

Emilia Romagna: approvata la legge per i lavoratori delle piattaforme digitali

Da: PD Stampa

Calvano: “Più tutele per i riders. In Emilia-Romagna approvata la legge per i lavoratori delle piattaforme digitali”

L’Emilia-Romagna chiede più tutele per i riders e gli altri lavoratori delle piattaforme digitali. L’assemblea legislativa regionale ha infatti approvato oggi all’unanimità, col voto di tutti i partiti, il progetto di legge proposto alle Camere coerentemente anche con quanto viene fissato nella Carta di Bologna. Il consigliere regionale PD Paolo Calvano soddisfatto commenta:

“Oggi abbiamo approvato la legge a tutela dei lavoratori su piattaforme digitali, ovvero quelli impiegati nella cosiddetta gig economy: parliamo soprattutto dei riders, i fattorini, ma anche di camerieri, commessi e creativi impegnati nell’economia dei “lavoretti”. Stiamo vivendo un cambio di bisogni, cambio che si associa anche al cambio dei modelli di business con i quali alcuni servizi vengono erogati e, di conseguenza, questo ha impatto anche sulla vita di ogni consumatore. Quella approvata oggi è una scelta giuridica forte: ricomprendere nel rapporto di lavoro subordinato queste nuove professioni. Con questo provvedimento vogliamo tutelare i lavoratori e garantire a questo modo i diritti sanciti nello statuto dei lavoratori”.

L’obiettivo è quello di rendere il progetto di legge coerente con quelli delle altre regioni, così da avere più forza alle camere e a livello europeo.

“Non c’è una soluzione unica e non ci sono bacchette magiche da poter brandire. – prosegue Calvano – I lavoratori della gig economy sono di tantissime tipologie e non sappiamo davvero l’entità del fenomeno della gig economy. Conosciamo i riders perché sono quelli più visibili, ma quanti sono i servizi che oggi sempre di più si stanno erogando con forme di sharing economy o di disintermediazione digitale? I termini che identificano i nuovi rapporti economici e di lavoro digitale identificano anche la mancanza di quei parametri fondamentali presenti nel rapporto di “lavoro tradizionale”. Per questo ritengo che già la scelta di provare a mappare questo variegato mondo, incrociando i tanti dati a nostra disposizione, sia un primo approccio concreto per comprendere come questo fenomeno si stia declinando sul nostro territorio. La Regione Emilia-Romagna si è fatta carico di una situazione oggettivamente invivibile per questi lavoratori del nuovo millennio. Siamo tutti consapevoli che questa partita può essere giocata e vinta solo a livello globale con un’Unione Europea realmente protagonista dei valori etici ed economici di cui è portatrice. Intanto l’Emilia-Romagna ha deciso di fare la propria parte”.

Da: PD Stampa

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi