4 Marzo 2014

Esiste l’ “Arte delle donne”? Sabato 8 marzo il Museo Archeologico ospita la conferenza di Kathy Toma

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa SBArcheo Emilia-Romagna

In occasione dell’8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara ospita una conferenza a tutto tondo dell’artista e studiosa francese Kathy Toma su un tema ricchissimo e stimolante: Esiste ” l’Arte delle Donne”?
L’incontro sarà incentrato sulle donne artiste nel campo delle arti visive (dalla pittura alla scultura), partendo dall’antichità per arrivare fino ai giorni nostri.
Un invito a ripercorrere attraverso il tempo e la Storia l’evoluzione dello sguardo della società sul lavoro artistico delle donne e a scoprirne l’immensa ricchezza nel campo delle Arti Plastiche in Europa. Una storia nella Storia, di quelle che Lea Vergine ha definito, nell’omonima mostra del ’80, “L’altra metà dell’Avanguardia” e che possiamo chiamare l’altra metà dell’umanità; un tentativo di risposta all’ambiguità della domanda: Esiste “l’Arte delle Donne”?
Nel trattare l’argomento Kathy Toma si avvarrà della videoproiezione di un ampio apparato iconografico ed esporrà una copia della sua opera “Lezione delle tenebre” (nella foto)

Oltre alla Direttrice del museo, Caterina Cornelio, e alla Presidentessa di Soroptimist, Carla Biondi, saranno presenti le assessore del Comune di Ferrara Deanna Marescotti (Assessorato pari opportunità) e Rossella Zadro (Assessorato all’Ambiente e Relazioni Internazionali).

Al termine, brindisi offerto da Associazione PIV e dalla cantina Il Pettyrosso, rappresentata dal titolare Claudio Massarenti

SABATO 8 MARZO 2014, alle ore 16.30

la conferenza di Kathy Toma

Esiste “l’Arte delle donne”?

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
Via XX Settembre n. 122
info 0532 66299

Iniziativa promossa da Museo Archeologico Nazionale di Ferrara e Soroptimist International Club di Ferrara, in collaborazione con Bal’Danza e Gruppo Archeologico Ferrarese, e con l’adesione di FIDAPA, Lions Club Ferrara Diamanti e Associazione Mogli Medici Italiani

www.archeoferrara.beniculturali.it

La pittrice Kathy Toma, artista e studiosa di storia dell’arte, vive e lavora a Parigi (www.kathy-toma.com)
Laureata in lettere all’Università di Strasburgo e in Storia dell’Arte alla Sorbona, figlia di pianista, ha frequentato studi di teatro e di musica. Ha dipinto sin da bambina e nel suo lavoro traspare una passione per un'”iconografia fiabesca e teatrale”. Un percorso singolare, costituito da una serie di evocazioni fra mito e memoria dove interviene sempre l’identificazione. Euridice, Narciso, la Donna all’Unicorno, Eloisa e Abelardo, Icaro, Ganimede, San Giorgio e la Principessa cristallizzano una trama di tematiche d’amore e morte: il mito di Tristano, Eros/Thanatos sono costantemente presenti.
E’ stata per numerosi anni conferenziera al Centre Pompidou.
Dal 1972, ha esposto in diverse città della Francia e all’estero: Parigi, Nantes, Lille, Valence, Aubusson, Gargilesse, Guebwiller, Francoforte, Firenze, Prato, Napoli, Milano, Ferrara, Sudamerica. Ha svolto un importante lavoro d’artista su Carlo Gesualdo Principe di Venosa, grande musicista autore di madrigali che alla fine del ‘500 ha soggiornato a Ferrara, al momento del suo matrimonio con Leonora d’Este. E’ stato completato da scritti di storia dell’arte (Carlo Gesualdo da Venosa – Fasti dimenticati di un Principe del Rinascimento (2009); “Essendoti sposa devotissima…”(2008) diario immaginario di Leonora d’Este, libro d’artista su questa principessa dimenticata dalla Storia di Ferrara) e da conferenze a varî convegni.
Le sue creazioni sul Principe dei Musici costituiscono la riemersione di un’incontro avvenuto ben prima con la musica del Musicorum Princeps, una rivelazione che si era sedimentata. Sono state presentate in varie mostre a Gargilesse (1990), Guebwiller (1991), Napoli e Avellino (2001), Ferrara (2004)) dove viene presentata per la prima volta la video installazione il Polittico del Principe di Venosa. La sintesi di questo lavoro è costituita dalla realizzazione monumentale dei Dipinti della Volta della chiesa dell’Addolorata nella città di Gesualdo nel 2001 e contemporanea presentazione del Concerto/Spettacolo con L’Ensemble Vocale di Napoli.
La convergenza delle voci della musica e della tragica vita del Principe l’hanno portata a una doppia “Risurrezione” in cui si sono concentrate le esperienze precedenti sul materiale (il lenzuolo come supporto, il corpo e la fotografia, il film, la video, la creazione di “environnement total”) e sulle tematiche: frontiere trasgredite da eroi mitici a rischio della propria vita, unicorni favolosi costantemente inseguiti e uccisi e costantemente rinascenti, come la Fenice.
Gesualdo quale emblema dell’artista o della ricerca mistica di una musica al di là del suono. “Venire a Gesualdo -ha scritto la Toma a margine del soggiorno nel comune dell’avellinese- è stata per me un’emozione straordinaria. Vedere questa terra, questi paesaggi, camminare per queste strade, toccare queste pietre, sentire l’aria, queste vibrazioni, è un po’ come essere in contatto col cuore della terra sull’orlo di un cratere … un incontro tellurico in qualche modo!”



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Don Giovanni va in Corea

  • Svastiche e scritte antisemite a Genova: dopo il negozio di Marassi, tocca al liceo Cassini

  • UNA STORIA DIMENTICATA
    Cadde nella ghisa incandescente e sparì: ecco cosa rimane dell’Operaio Ignoto

  • Parole a capo
    Arianna Vartolo: “Domenica” e altre poesie

  • UNA BOTTA DI VITA
    Aver le idee chiare…

  • Incontro con l’autore: VERDE ELDORADO di Adrián N. Bravi
    7 ottobre, ore 21

  • Mahsa Amini

  • GUERRA e PACE

  • graffito murales poesia

    Sabato 8 ottobre “Ultimo Rosso”: la poesia unica protagonista
    Piazza Municipale ore 10 / Parco del Montagnone ore 15,30

  • PAROLE e FIGURE /
    Bruttina a chi? A me no di certo…

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi