Home > COMUNICATI STAMPA > Europa Verde: Completare SFM con le risorse del Next Generation EU.

Europa Verde: Completare SFM con le risorse del Next Generation EU.

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Comunicato Stampa Europa Verde.

Silvia Zamboni, capogruppo di Europa Verde e vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna: “È inaccettabile il ritardo accumulato in quasi trent’anni nel completamento del Servizio Ferroviario Metropolitano (SFM), un’opera prioritaria per il potenziamento del trasporto pubblico e il risanamento ambientale dei territori nelle province di Bologna, Modena e Ferrara. Aspettiamo la messa a regime del SFM dal 1994, ora abbiamo la possibilità di accelerare: chiediamo alla giunta dell’Emilia-Romagna di spingere sul governo affinché inserisca il Servizio Ferroviario Metropolitano tra le opere da finanziare con i fondi del Next Generation Eu”.

Bologna, 29 marzo 2021 – A quasi trent’anni dagli Accordi per il passaggio dell’Alta velocità nel nodo ferroviario bolognese, occorre che la Giunta della Regione Emilia-Romagna s’impegni per completare e mettere finalmente a regime il Servizio Ferroviario Metropolitano, un’infrastruttura strategica per il raggiungimento degli obiettivi di risanamento ambientale e di riduzione del traffico motorizzato privato principalmente nel territorio della provincia di Bologna ma con effetti positivi anche nei limitrofi  territori delle province di Modena e Ferrara.

A chiederlo è il Gruppo Europa Verde dell’Assemblea legislativa con un’interrogazione in cui si ripercorre il lungo iter di progettazione e parziale implementazione del SFM, un’infrastruttura ancora in gran parte da completare per quanto riguarda sia la realizzazione di stazioni e fermate, sia il cadenzamento delle corse e l’attivazione di linee passanti che colleghino i vari bracci del SFM utilizzando i binari della Stazione Centrale di Bologna dall’11 al 15 liberati già da diversi anni grazie all’attivazione della Stazione dell’Alta Velocità sotterranea.
Il completamento del SFM permetterebbe di raggiungere un elevato livello di competitività del trasporto pubblico rispetto all’uso dell’auto privata, contribuirebbe a raggiungere gli obiettivi di miglioramento della qualità dell’aria e di riduzione delle emissioni inquinanti e climalteranti da traffico motorizzato, in linea con le prescrizioni del Piano Aria dell’Emilia-Romagna. Stime specifiche sulla sola Bologna hanno evidenziato la necessità di trasferire 440.000 spostamenti al giorno su modalità di trasporto diverse dall’auto privata. La realizzazione delle opere collegate al completamento del SFM costituirebbe anche un importante volano per gli investimenti e l’occupazione, oltre a rientrare nell’obiettivo di indirizzare gli investimenti pubblici verso il trasporto pubblico sostenibile, in linea con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza del Governo e con i criteri europei per l’impiego delle risorse del Next Generation EU.

È inaccettabile il ritardo nel completamento del Servizio Ferroviario Metropolitano. Dal 1994 siamo in attesa della messa a regime di un’infrastruttura strategica per potenziare il trasporto pubblico, sviluppare l’intermodalità e ridurre il traffico privato con benefici per l’incremento dell’uso dei mezzi pubblici di mobilità sostenibile nei territori delle province di Bologna, Modena e Ferrara – dichiara Silvia Zamboni, capogruppo di Europa Verde e vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna –.  Ora abbiamo la possibilità di accelerare il completamento del SFM grazie ai fondi del Next Generation EU ed alle altre risorse europee da utilizzare per finanziare le modalità di mobilità sostenibile e lo sviluppo del trasporto pubblico su ferro. A questo fine serve una volontà politica forte a livello nazionale e regionale per inserire il SFM nel Piano nazionale di ripresa e resilienza. Per questo, nell’interrogazione depositata oggi, oltre a chiedere un aggiornamento puntuale sullo stato dell’arte della realizzazione del  SFM, chiedo alla giunta della Regione Emilia-Romagna sia di agire sul governo affinché inserisca il Servizio Ferroviario Metropolitano tra le opere da finanziare con il Next Generation EU sia di convocare rapidamente un tavolo con Città Metropolitana e Comune di Bologna, FER, RFI, Trenitalia, TPER e tutti gli stakeholder coinvolti, per definire la tabella di marcia per il  completamento e la messa a regime del SFM”.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi