Home > AVVENIMENTI > EVENTUALMENTE
Delizie estensi, un itinerario culturale nelle terre del Po

EVENTUALMENTE
Delizie estensi, un itinerario culturale nelle terre del Po

delizie-estensi-karakoinè
Tempo di lettura: 6 minuti

Schifanoia, Belriguardo, Castello del Verginese, Villa della Mensa, Mesola: attraverso la visita alle principali Delizie estensi sparse sul territorio ferrarese si cercherà di capire il carattere di un paesaggio storico che solo in minima parte si può ancora osservare. Un paesaggio cambiato profondamente nel corso dei secoli, ma che conserva ancora ben riconoscibili le tracce dell’antico ‘progetto culturale’ che ne ha determinato in modo incancellabile il volto.
Parte con un itinerario ‘extra-muros’ tra le dimore ducali il programma di iniziative di Korakoinè, una nuova associazione di promozione culturale per la tutela e la valorizzazione del territorio, nata a Ferrara nel corso del 2014. La visita alle Delizie estensi, in programma per domenica 7 giugno alla presenza dell’architetto Marco Borella, sarà il primo di una serie di momenti dedicati al paesaggio in tutte le sue accezioni (culturale, urbano e agrario) e nel rapporto con l’arte e l’educazione. Si tratta di stimoli per approfondire un tema tanto delicato quanto vasto, con la consapevolezza che il territorio è un fondamentale e imprescindibile bene comune che – oggi come non mai – necessita di essere riconosciuto, tutelato, e valorizzato.

Cenni storici

Tra la fine del medioevo e durante il secolo d’oro del rinascimento la dinastia estense edificò a Ferrara e nel territorio circostante splendide residenze di corte: le cosiddette Delizie estensi, palazzi nobiliari circondati di meravigliosi giardini e parchi, lussuose dimore di campagna munite di torri e sistemi difensivi, veri e propri castelli da cui governare il territorio.

delizie-estensi-karakoinè

Delizia del Verginese, Portomaggiore (foto di Roberto Fontanelli)

Da un lato, queste superbe dimore offrivano alla potente famiglia agli Este luoghi di svago e mete per sfuggire alle torride estati cittadine, dall’altro rappresentavano dei centri di potere da cui esercitare un ravvicinato controllo sull’ampio territorio deltizio e sulle sconfinate distese di paludi e acquitrini che caratterizzavano il paesaggio naturale di quei tempi.
Le bonifiche condotte dagli Estensi nei secoli della loro supremazia politica assicurarono a quelle terre nuove e più vantaggiose prospettive per gli insediamenti umani, migliorandone le condizioni di vita e consentendo l’affermarsi di pratiche agricole diffuse. Fu un progetto politico che modellò profondamente la forma fisica del territorio, che divenne così sempre più il riflesso della cultura del rinascimento sul paesaggio naturale. Un “paesaggio culturale” di cui oggi restano tracce parziali, ma che secoli fa aveva saputo combinare insieme l’ambiente, i valori storici di un’epoca, le pratiche operose delle popolazioni che in quei luoghi avevano trovato ragioni di insediamento e capacità di sopravvivenza.

delizie-estensi-karakoinè

Villa della Mensa, Copparo

Il paesaggio agrario e la sistemazione territoriale prodotta dai grandi interventi estensi hanno subito, nei secoli successivi al ducato, profonde trasformazioni, dettate dalle mutate condizioni di vita rurale ma soprattutto rovesciate dai nuovi sistemi produttivi novecenteschi. Quello che era stato un chiaro “disegno del mondo” in cui i valori dell’armonia e della linearità compositiva propria dei contesti urbani erano stati trasferiti extra-muros, oltre le mura dell’urbe, in un progetto di estensione e continuità tra città e campagna, è oggi un insieme interrotto e disorganico che trova nelle Delizie Estensi però i nodi residuali benché ancora significativi di quel sistema.

delizie-estensi-karakoinè

Castello della Mesola

In quanto centri rurali di irradiazione di questa cultura urbana e umanistica, le Delizie estensi rappresentano un precipitato di identità culturale che travalica l’interesse storico-artistico-architettonico, di cui sono peraltro importanti, quando non superbi esempi monumentali, per rievocare nella loro collocazione fluvio-padana l’appartenenza a un progetto più ampio di valore paesaggistico. Le Delizie, nel loro insieme, sono state riconosciute dall’Unesco, Patrimonio dell’umanità, quali fondamentali espressione dell’identità storico-culturale del sito “Ferrara città del Rinascimento ed il suo delta del Po”. (A cura dell’associazione Korakoinè)

Programma della giornata
Domenica 7 giugno 2015
ore 9:20 – Ritrovo dei partecipanti (in via Scandiana, davanti al Palazzo Schifanoia)
ore 9:30 – VISITA DI PALAZZO SCHIFANOIA, la prima Delizia ad essere eretta alla fine del XIV secolo in una posizione che all’epoca poteva definirsi suburbana.
La mattina prosegue, raggiungendo:
LA DELIZIA DEL BELRIGUARDO A VOGHIERA, costruita nel 1436-40 in aperta campagna sull’esempio delle antiche ville romane;
IL CASTELLO DEL VERGINESE, dagli inconfondibili angolari bugnati e dalle quattro torri merlate.
ore 13:00 – Sosta per il pranzo (al sacco) a Villa Mensa, Sabbioncello San Vittore.
ore 14:30 – Il pomeriggio riprende con LA VISITA AL COMPLESSO MONUMENTALE DI VILLA DELLA MENSA, situato a ridosso della sponda sinistra del Po di Volano, e appartenuto fin dall’origine al patrimonio immobiliare dell’episcopio ferrarese;
IL CASTELLO DELLA MESOLA, eretto a partire dal 1578 da Alfonso II, a coronamento della bonifica del Polesine di Ferrara; qui il duca si recava per dedicarsi alla pesca fluviale e alla caccia nei floridi boschi circostanti.
ore 18 – Arrivo a Ferrara (in piazzale Medaglie d’Oro)

Come partecipare
L’escursione si svolgerà in pulmann (max 52 posti) che garantirà tutti gli spostamenti della giornata.
Il costo dell’iniziativa è di 23 euro, comprensivo dei biglietti di ingresso a Palazzo Schifanoia (2 euro), alla Delizia di Belriguardo (5 euro) e al Castello della Mesola (2 euro). Il pranzo è al sacco.
Per partecipare occorre iscriversi entro il 29 maggio:
– versando la quota prevista tramite bonifico bancario intestato a Korakoinè aps IBAN IT62L0312713001000000002280 (dopo avere effettuato il pagamento, si prega di inviare mail di conferma all’indirizzo korakoine@gmail.com oppure telefonando allo 340 553 3025)
– oppure presso l’Istituto di Storia Contemporanea, vicolo Santo Spirito 11, Ferrara dove l’Associazione Korakoinè è a disposizione per ogni ulteriore informazione sull’iniziativa
tutti i giorni, da giovedì 21 a venerdì 29 maggio, ore 18:00 – 19:30 (esclusa la domenica),
il sabato 23, ore 10:00 – 12:30. Avvertenza. Se alla data sopraindicata non sarà stato raggiunto il numero previsto di partecipanti, l’escursione sarà annullata e le quote versate verranno restituite. Sarà cura dell’Associazione darne comunicazione agli iscritti nel più breve tempo possibile.

delizie-estensi-karakoinè

Per saperne di più sulla visita clicca qui.

Per conoscere le finalità e gli obiettivi dell’associazione leggi la scheda.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
antifa ferrara
Messaggi da ricordare
LETTERA APERTA
NO ALLA COLATA DI CEMENTO ALL’EX MOF
pompieri burana
Cattive abitudini
pico mirandola
Sulla memoria

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi