Home > COMUNICATI STAMPA > EXPO: Dall’Australia in Italia per studiare la gestione dell’acqua in Lombardia

EXPO: Dall’Australia in Italia per studiare la gestione dell’acqua in Lombardia

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa A.N.B.I.

Francesco Vincenzi: “Se l’irrigazione è indispensabile all’agricoltura del futuro, Irriframe è la soluzione per ottimizzarne l’uso”

Un esplicito invito per contribuire attraverso la loro esperienza allo sviluppo idrocompatibile dell’agricoltura in Australia è stato avanzato dall’Ente Commerciale dell’importante Paese oceanico ai Consorzi di bonifica italiani durante l’incontro inaugurale della missione, che i vertici della Victorian Farmers Federation stanno svolgendo alla scoperta della gestione idraulica del territorio lombardo.
“E’ sempre una grande soddisfazione verificare come, a fronte di problemi comuni, dall’estero si guardi con grande interesse alla realtà italiana di gestione del territorio agricolo”: a sottolinearlo è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale Gestione Tutela Territorio e Acque Irrigue (ANBI), che poi prosegue: “E’ però sconcertante notare la differenza di attenzione, riservata dalla politica ai medesimi temi: là sono stati investiti 7 miliardi di euro in 10 anni per incrementare e migliorare la rete irrigua; in Italia, dove l’84% del celebrato made in Italy agroalimentare dipende dalla disponibilità d’acqua, stiamo difendendo i 300 milioni del 2° Piano Irriguo Nazionale da letture talvolta oscurantiste sull’uso dell’acqua in agricoltura.”
Quella di Vittoria è la regione più agricola dell’Australia e probabilmente dell’Oceania, ma arriva da 9 anni di siccità; per questo, la Victoria Farmers Federation (8.000 imprese associate con una dimensione media superiore ai 300 ettari!) è alla ricerca di soluzioni, che ottimizzino l’uso della risorsa idrica in agricoltura, evitando i crescenti contrasti con altri utilizzi e migliorandone la compatibilità con l’ecosistema.
“Non è certo un caso – prosegue Vincenzi – il grande interesse, che sta suscitando il sistema irriguo Irriframe ad Expo, dove è sperimentabile grazie ad un’apposita app: combinando più variabili, questo know how italiano invia il miglior consiglio per l’irrigazione sul cellulare o sul computer dell’interessato. Accanto a ciò è necessaria una battaglia comune per far capire definitivamente che in agricoltura l’acqua si usa e non si consuma, restituendola al ciclo biologico talvolta addirittura migliore di come la si è prelevata da fonti idriche minate dal diffuso inquinamento.”

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi