de-andre
Tempo di lettura: < 1 minuto

Nei meandri del quartiere genovese di Pegli, il 18 febbraio 1940, nasceva quello che per molti è probabilmente il più grande cantautore della musica italiana: Fabrizio de André. Autore di brani indimenticabili, narratore di storie riguardanti i più deboli, i ribelli, gli emarginati, da sempre vicino agli ideali pacifisti e anarchici, Faber fu molto di più che un semplice cantautore. Tra i maggiori esponenti della cosiddetta Scuola Genovese, nei suoi quarant’anni di carriera egli contribuì significativamente anche a valorizzare la lingua ligure nel mondo.
E oggi lo vogliamo ricordare proprio con uno dei suoi più amati brani in ligure: Crêuza de mä, contenuto nell’omonimo album del 1984.

Ogni giorno un brano intonato a ciò che la giornata prospetta…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
FANTASMI
Le fosse comuni dei bambini nativi:
un altro massacro coperto dal silenzio
Alla fine, perde chi vince…
Multo utile et humile et pretiosa et casta
MUSICA
La poesia a braccetto con la chitarra
Intervista al cantautore Diego Capece, il ‘terroNista’

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi