14 Febbraio 2018

Falciano (M5S): a Ferretti (AUSL) dico: è vero il contrario, “non esistono dati scientifici dai quali si possano desumere le non analogie sulla mortalità dei due territori”.

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 5 minuti

movimento5stelle

Da ufficio stampa MoVimento 5Stelle Ferrara

In risposta ad AUSL, che sminuisce l’incidenza delle malattie tumorali nel ferrarese come “vox populi”, è bene precisare che l’amministrazione ha più volte negato le richieste avanzate dal M5S affinché venissero disposti nuovi studi epidemiologici su tale problematica. Riteniamo necessario realizzare uno studio mirato sul Comune di Ferrara, per determinare lo stato di salute della popolazione a ridosso del polo industriale. Già Ilaria Morghen, Consigliere Comunale M5S nel 2016, depositò un accesso atti di referto epidemiologico e un Ordine del Giorno su un’indagine epidemiologica da condurre sulla popolazione ferrarese esposta ai fumi dell’inceneritore, proponendo di finanziare tali nuovi censimenti e rendere questi dati trasparenti ed accessibili alla cittadinanza. Ma l’amministrazione rifiutò. Nonostante l’OMS indichi che il legame tra qualità dell’aria e salute umana è sempre più forte, tant’è che le nuove linee guida abbassano i livelli di inquinanti consentiti, per l’AUSL l’incidenza dei tumori polmonari nel ferrarese è da ricondursi principalmente al consumo di sigarette, di poco superiore rispetto alla media nazionale. Troppo spesso tra i fattori di rischio sono individuati solo le abitudini personali e di comportamento, meri rischi individuali; solo negli ultimi tempi ha assunto maggior rilevanza il rapporto qualità dell’ambiente e salute umana: gli interferenti endocrini, la pessima qualità dell’aria che respiriamo, i metalli pesanti ed altre sostanze chimiche biopersistenti e bioaccumulabili sono solo alcune delle cause d’insorgenza di malattie gravi, e Ferrara le ha tutte.

La voce proviene da quella parte di popolo preoccupato, obbligato a respirare i fumi degli agglomerati urbani e del polo industriale, che tra il 2016-2017 ha registrato un record di emissioni straordinarie, emergenze non controllate con ordinanze sindacali con “il trucco” dei 4 giorni consecutivi di sforamento, e che pertanto non rassicurano chi vive ai piedi delle torce del Petrolchimico. Anche ciò che mangiamo è un fattore da non sottovalutare, i nostri alimenti provengono da terreni contaminati da diossine, PCB, IPA, sovraccarichi di pesticidi e diserbanti che lasciano tossine e metalli sugli alimenti. Le stesse acque d’irrigazione sono considerate altamente inquinate e pericolose per la salute. Come ha dimostrato Legambiente nel suo ultimo rapporto sulla qualità dell’aria e dell’acqua, i nostri terreni presentano 4 kg di fitofarmaci e pesticidi in più per ettaro rispetto alla media nazionale. Se non è tragico questo cosa possiamo ancora considerare allarmante?
Perché sia il Comune, ed in particolare i Sindaci che hanno governato tra il 2006 e il 2015, in quanto autorità sanitarie locali, che la Provincia, in qualità di autorità competente al controllo, come per la discarica di Imola, non hanno realizzato per la discarica di Ca Leona, la diffida prevista dall’ art. 244 c.2 D.Lgs. 152/06, attuata invece dalla Città Metropolitana di Bologna a seguito della ricevuta notifica da parte di ARPAE inerente il superamento dei livelli d’inquinamento parametrati dalla legge? Perché a Ferrara si è proceduto diversamente che a Bologna?
Perché l’AUSL, per la sua parte di competenza, non ha mai approfondito la pericolosità dei prodotti agricoli provenienti da siti contaminati, primo tra tutti l’ex discarica Ca Leona, restituita all’agricoltura, vista la rilevanza sanitaria per i consumatori sia umani che animali, chiedendo il divieto di coltivazione e attuando un monitoraggio adeguato prima di consentirne la commercializzazione?
Inoltre come si evince dal rapporto MEV(i) 2018, analisi che il M5S fece già nel 2017, Ferrara si conferma città a più alto livello di mortalità evitabile sopra la media nazionale. A fronte di queste annose problematiche, di certo rimangono i dati forniti dall’AIRTUM – associazione italiana registro tumori – su una popolazione complessiva di circa 355mila abitanti, le persone residenti nel territorio ferrarese che hanno fatto i conti con una diagnosi di tumore sono circa 21mila, il 6% della popolazione contro una media nazionale che si attesta attorno al 5%.
Noi cittadini chiediamo che vengano affrontati e portati a termine il prima possibile questi cosiddetti “studi complessi” citati da Ferretti e che vengano immediatamente divulgati in maniera comprensibile per i cittadini. Nel frattempo i cittadini e coloro che scelgono come rappresentanti politici si riservano il pieno e insindacabile diritto, garantito dagli articoli 21 e 32 della Costituzione Italiana, di esporre le loro preoccupazioni così come ragionamenti causali e soluzioni in campo ambientale e sanitario.

Chiediamo che vengano resi pubblici i dati relativi all’inquinamento dell’acqua di falda dei Comuni della Terra dei Fuochi e che vengano raffrontati con i dati relativi all’inquinamento dell’acqua di falda dell’area dell’ex discarica di Ca’ Leona di Ferrara: solo così i cittadini possono avere riscontri oggettivi delle differenze, se ci sono, dei livelli di inquinamento delle 2 aree (Comuni della Terra dei Fuochi e discarica Ca’ Leona), per poterle paragonare scientificamente.

Alla politica spetta l’ipotesi e la proposta, all’esponete dell’ente istituzionale la dimostrazione con riscontro oggettivo. Ai cittadini la garanzia, garantita dalla legge, della salubrità dell’ambiente che abitano.

– ODG – INDAGINE EPIDEMIOLOGICACA SULLA POPOLAZIONE FERRARESE ESPOSTA AI FUMI DELL’INCENERITORE http://www.comune.fe.it/5257/odg-indagine-epidemiologica-sulla-popolazione-ferrarese-esposta-ai-fumi-dell-inceneritore

– RICHIESTA DI ACCESSO AL REFERTO EPIDEMIOLOGICO
http://www.comune.fe.it/5049/richiesta-accesso-agli-atti-referto-epidemiologico



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • interno autobus semivuoto

    Diario di un agosto popolare
    9. LA METRO, IL BUS E LO SCOOTER

  • Maternità parallele in un dramma collettivo:
    Almodóvar colpisce ancora

  • TERRA & ACQUA DA SCOPRIRE.
    La  Ciclabile Burana

  • Il treno di Margherita
    …un racconto

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi