Home > COMUNICATI STAMPA > Ferrara 2030: “Il Comune porta a casa 15 milioni per l’ex Palaspecchi ma ne lascia 30 nel piatto”

Ferrara 2030: “Il Comune porta a casa 15 milioni per l’ex Palaspecchi ma ne lascia 30 nel piatto”

Corti di Medoro (iconia.it)
Tempo di lettura: 2 minuti

COMUNICATO STAMPA

Ottocentocinquantaquattro milioni di euro messi a disposizione di Regioni, Città Metropolitane e Comuni con più di 60.000 abitanti attraverso il “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”. Serviranno per riqualificare e incrementare il patrimonio residenziale e sociale, allo scopo di rigenerare il tessuto socio-economico, migliorare l’accessibilità e la sicurezza dei luoghi e favorire la riconsiderazione di spazi e immobili pubblici in funzione degli effettivi bisogni della cittadinanza.

Purtroppo però, a fronte della cospicua disponibilità finanziaria garantita dal Governo per migliorare la coesione sociale e la qualità della vita dei cittadini, il Comune di Ferrara ha candidato un’unica proposta, chiedendo ai privati esclusivamente una manifestazione di interesse per integrare la riqualificazione in corso all’ex Palaspecchi con residenze e servizi sportivi.

Certo, a Ferrara sono stati assegnati 15 milioni e ne siamo molto felici. Anche se ancora non è chiaro quale sarà il progetto, perché il Comune ha subordinato la variante urbanistica alle proposte che saranno avanzate dai privati, rinunciando così a esercitare il proprio ruolo di regia pubblica. L’unica cosa certa, per ora, è il nome: “Le corti di Angelica”.

Dispiace, però, constatare come il Comune di Ferrara, senza nessuna pubblica spiegazione, abbia rinunciato di fatto agli ulteriori 30 milioni messi a disposizione dal Governo per due altre possibili candidature che avrebbero consentito di rigenerare altrettante aree cittadine. Ce ne sarebbe stato un gran bisogno, basti pensare alle oltre 700 domande di alloggi pubblici giacenti in Municipio.

È davvero uno spreco, se si considera che l’ultimo finanziamento di questo tipo è stato il Piano Periferie del 2016: i Comuni hanno ben poche altre risorse per favorire la rigenerazione urbana e le politiche abitative pubbliche, indispensabili per incidere positivamente sulle città e il tessuto sociale.
E invece, ecco trenta milioni lasciati nel piatto…

Ferrara2030

Cover: Le corti di Medoro – Ristrutturazione ex Palaspecchi (iconia.it))

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi