Home > ALTRI SGUARDI > FERRARA, EUROPA
Trash-mania: Eurofestival, l’attrazione fatale d’Irlanda

FERRARA, EUROPA
Trash-mania: Eurofestival, l’attrazione fatale d’Irlanda

irlanda-eurovison

DUBLINO – Irlanda 2015, una nazione moderna: terziario avanzato e società all’avanguardia nei diritti civili. Solo pochi e straordinari eventi sono capaci di bloccare, di questi tempi, il consueto fervore quotidiano dei suoi cittadini: la festa di san Patrizio, una partita del Sei nazioni contro l’Inghilterra, una visita papale… E tra questi, immancabilmente come ogni anno, l’attesa finale dell’Eurovision song contest, kermesse musicale a forte rischio trash, che magari si sente poco in Italia (ove è conosciuto come Eurofestival), ma che per altri Paesi ai confini dell’Europa – non così fortunati, o masochisti secondo i punti di vista, da far conto su una quattro-notti sanremese – ricopre un’importanza non da poco.

irlanda-eurovison

Il logo del festival canoro

La tensione inzia già a farsi sentire qualche giorno prima. Al lavoro, le ladies delle risorse umane si chiudono nell’ufficio della direttrice. ‘Do not disturb’, riunione d’emergenza. Dai vetri offuscati riesci ad intravedere lo svolgersi di una discussione concitata. Forse la ditta è stata venduta? crack azionario? il megadirettore generale – si proprio quello con la famosa sedia in pelle umana, ebbene sì ci sono anche qui – è arrivato per una visita a sorpresa? Fronte che inzia a sudare freddo, ripercorri mentalmente gli ultimi disastri combinati sul lavoro e ti chiedi terrorizzato se stiano parlando di te. Gli occhi cercano la più vicina all’uscita d’emergenza. Poi passa il collega irish, che a certe cose è abituato fin dalla nascita, e con un mezzo sorriso ti indica una data sul calendario. “Relax buddy, questo fine settimana c’è la finale dell’Eurovision, stanno solo decidendo a casa di chi andare a vederla. E cosa preparare per cena”. Grazie, di cuore. La tesione si stempera, recuperi lucidità e vedi che dall’altra parte del ‘floor’ anche quelli del ‘finance’ stanno confabulando tra di loro. A pausa pranzo noti invece le ragazze del laboratorio, che non hanno il lusso di avere un ufficio tutto loro, sgattaiolare alla chetichella verso il sandwich bar all’angolo. E suona come ‘riunione in corso, stare alla larga’.
E così ogniuno si organizza alla sua maniera, in famiglia, tra amici o colleghi, per una gran serata di convivialità tra risate, critiche, glamour e un bel po’ di sano sciovinismo. In un clima che è una via di mezzo tra Giochi senza frontiere ed un evento mondano. E poi c’e anche la musica che pero’ conta già molto meno, come spesso provato dal brano vincitore. Si approfitta della serata per cucinare una qualche specialita, gustare vino sovraprezzo ed incompreso, farsi belli o almeno provarci. E le donne soprattutto, che azzardano quasi un abito da sera, un tacco alto, un filo di trucco più spinto. Anche se alla fine si sta sul divano a guardare la tv. Ma è pur sempre un Gran galà, ed ogni occasione per mettersi in tiro viene buona quando vivi in un Paese nel quale, ipoteticametne, potrebbe anche piovere 365 giorni all’anno.
Non manca la nota dolente. Se i Paesi europei piu grandi (I big five: Spagna, Francia, Italia, Germania e Regno unito) sono ammessi direttamente alla competizione, per la maggior parte delle nazioni, e tra queste l’Irlanda, si apre la fratricida battaglia eliminatoria per accedere alla finale. Alle semifinali l’Eire, rappresentata dalla giovanssima Molly Sterling che interpreta il bel brano “Playing with numbers”, fallisce la qualifica. Clima da psicodramma l’indomani con i maggiori quotidiani ad interrogarsi sui motivi della debacle. Ed in prima pagina, che per un giorno tutto il restro può passare in secondo piano. Su un canale radiofonico nazionale una voce profonda e molto, molto seria – sicuramente un ministro, un alto prelato o un generale – elenca con precisione marziale nomi di Paesi europei, percentuali e dati statistici. Drizzo le orecchie, forse una crisi internazionale? è scoppiata la terza Guerra del golfo? Niente di tutto ciò, sta snocciolando dati sull’Eurovision song contest. Analizzando i perché del fallimento. Sotto sotto un po’ me lo aspettavo. Psicodramma nazionale, appunto. Finale senza Irlanda per questo festival che è un po’ meno Eurotrash ed un po’ più Eurovision. E con tutto il rispetto, e per quanto simpatici possano essere, almeno quest’anno niente babuske, pupazzi cantanti ed improbabili saltimbanchi. Sembra che la manifestazione sia presa sul serio e la competizione davvero serrata.

irlanda-eurovison

Il vincitore svedese Måns Zelmerlöw

Cala il sipario con la vittoria scontata di Måns Zelmerlöw cantante Svedese, bello e dannato, quel tanto che basta per piacere alle figlie ma sopratutto alle mamme, quelle che poi devono sborsare per comprarne i dischi. O così almeno sembrano decidere i misteriosi “giurati” che di fatto lo eleggono come vincitore del concorso. In ogni caso premio empatia per il belloccio, la sola esibizione capace di creare cinque minuti di silenzio ed attenzione ipnotica alle ragazze con cui sto seguendo la finale. Tra le quali la mia compagna. Auch. Prendo, incasso e porto a casa. Mi vendico a modo mio inviando la preferenza, e non solo per la canzone, all’artista Lituana Monika Linkytė. Ottimo piazzamento – terzo posto – per i ragazzi Italiani de “Il Volo” ai quali però manca purtroppo l’effetto “dannazione”, qualità evidentemente necessaria per una vittoria all’Esc anche se risulti essere il più premiato dal televoto. Fa invece tirare un sospiro di sollievo all’Europa, e non solo, il secondo posto ottenuto dalla Russia, la cantante Polina Gagarina che ce la mette davvero tutta per evitare un ulteriore aggravarsi delle relazioni internazionali tra il suo Paese ed il resto del mondo, scoppiando in un pianto liberatorio alla fine dell’esibizione.
Ed anche quest’anno l’Esc è passato ed un buon numero di brani – ed artisti – presenti in gara finiranno nel dimenticatoio musicale. Gli Inglesi continueranno stoicamente a partecipare sapendo di finire pressoché ultimi, minacciando di lasciare la competizione canora e già che ci sono di uscire pure dalla Eu. Ed i Francesi continueranno a portare qualche erede moderno della Piaf o Breil con un brano impegnato, giusto per essere sicuri di fare compagnia a fondo classifica ai loro vicini d’oltremanica. E tutti gli altri a cercare di proporre qualche buon artista e continuare ad interrogarsi sui misteri del televoto. In Irlanda, piu semplicemente, questa serata continuerà ad essere vissuta come un’occasione di convivialità vagamente glamour, consapevoli che in certe occasioni la musica può essere musica anche se non riesci a distinguere bene la chitarra e il kazoo.

Un estratto di tutti i brani presenti in gara [vedi].

Commenta

Ti potrebbe interessare:
IL DOSSIER SETTIMANALE
Accordi: la musica da ascoltare… e da leggere
Lucio Dalla: la Trilogia della rinascita
INSOLITE NOTE
Heptachord: una miscelazione di generi nel nuovo progetto musicale di Nicola Mogavero e Alessandro Blanco
BORDO PAGINA
Il musicista e scrittore Carlo Zannetti, originario di Ferrara

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi