Home > COMUNICATI STAMPA > Ferrara: la casa di Giorgio Bassani ieri e oggi, dove abitano le parole

Ferrara: la casa di Giorgio Bassani ieri e oggi, dove abitano le parole

Tempo di lettura: 3 minuti

da: organizzatori

Scopriamo le case e i luoghi degli scrittori in Emilia-Romagna

“ In Il romanzo di Ferrara ho costruito ogni parte della città, l’ho messa su, come dicono i cinematografari, e quindi, quando era necessario, ho dovuto anche inventarmi delle strade che non esistono, ma in sostanza, però, l’ho messa in piedi, l’ho costruita, ho dovuto costruirla, ho dovuto in qualche modo inventarmela, pur stando attaccato al vero il più possibile.” Registrazione analogica dell’intervento di Giorgio Bassani in occasione della consegna allo scrittore ferrarese del premio Bernagozzi,1982
In occasione dell’iniziativa a carattere regionale Dove abitano le parole. Scopriamo le case e i luoghi degli scrittori in Emilia-Romagna, coordinata dall’IBACN della Regione Emilia-Romagna, sabato 19 e domenica 20 settembre, la Fondazione Giorgio Bassani, Arch’è Associazione Culturale Nereo Alfieri, in collaborazione con il Liceo Classico L. Ariosto, il Museo del Risorgimento e della Resistenza e l’Università agli Studi di Ferrara, aderiscono all’evento con l’iniziativa “Ferrara. La casa di Giorgio Bassani ieri e oggi”.

A Ferrara, dopo la vendita della casa di Cisterna del Follo n. 1, non esiste un luogo specifico identificabile con il grande ferrarese, ma tutta la città è intrisa dalle parole dello scrittore che l’ha fatta conoscere nel mondo.
Esistono tuttavia altri due luoghi che hanno un significato particolare, il liceo classico L. Ariosto, la scuola in cui il giovane Bassani si è formato negli anni dell’adolescenza e il cimitero ebraico di via delle Vigne, dove ha voluto essere sepolto.

Due sono gli appuntamenti:
· “Appuntamento a casa Bassani. La casa di Bassani ieri” foto di Paolo Zappaterra
19 settembre ore 17, giardini del Liceo Ariosto, Corso Ercole I d’Este 25a.
Verranno esposte preziose fotografie di casa Bassani del noto fotografo Paolo Zappaterra scattate nel 1989, prima della vendita e della radicale trasformazione della casa in cui Bassani ha vissuto e De Sica ha girato sequenze del film ‘Il giardino dei Finzi-Contini’. Saranno le parole dello scrittore ad accompagnare gli scatti.
Ne parleranno con l’autore Paola Bassani, Antonella Guarnieri e Silvana Onofri della Fondazione Giorgio Bassani
La mostra sarà visitabile anche domenica 20 settembre dalle ore 15.30 alle 18.30

· Appuntamento al cimitero ebraico. La casa di Bassani oggi”, 20 settembre alle ore 10.30, via delle Vigne 22.
“Desidero essere sepolto nel cimitero ebraico di Ferrara” scrive Bassani nel suo testamento e il percorso di visita alla ricerca delle radici ebraiche dello scrittore avrà inizio dal monumento che Arnaldo Pomodoro e Piero Sartogo hanno realizzato all’interno del cimitero, a ridosso delle mura di Ferrara.
Ad accogliere i visitatori sarà la voce registrata dello stesso Bassani che legge “Rolls Royce’, l’epitaffio virtuale da lui composto.
Accompagneranno Paola Bassani, Antonella Guarnieri e Silvana Onofri della Fondazione Giorgio Bassani. Ai presenti verrà distribuito il testo della poesia .”Rolls Royce” con commento inedito di Giorgio Bassani.

Ingressi gratuiti. Per informazioni rivolgersi a arche.ferrara@gmail.com; cell. 3311055853

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi