Home > COMUNICATI STAMPA > 2 dicembre. Enrico Trevisani alla Einaudi: Ferrara nella Prima guerra mondiale

2 dicembre. Enrico Trevisani alla Einaudi: Ferrara nella Prima guerra mondiale

Tempo di lettura: 3 minuti

 

Si parlerà anche della vita quotidiana del fante nelle trincee del Fronte Primo appuntamento del nuovo anno scolastico con l’ottavo ciclo degli incontri di ApertaMente: ad inaugurare il cartellone degli eventi 2021-22 sarà martedì 2 dicembre – ore 10,10-12,10, nell’Aula magna della scuola sita in via Savonarola n. 32 – il dott. Enrico Trevisani, dell’Archivio storico del Comune di Ferrara, che intratterrà gli allievi delle
Quinte classi su un doppio tema connesso alla Prima guerra mondiale: di impostazione più generale il primo, poiché si parlerà dell’angosciante vita quotidiana del fante nelle trincee del Fronte, stretta fra le misere condizioni igienico-sanitarie e quel senso di precarietà dell’esistenza, sempre a tu per tu con la morte, così meravigliosamente colta della penna poetica di Giuseppe Ungaretti nei testi della raccolta “Allegria di naufragi”; un tema più attinente al territorio il secondo: il dott. Trevisani parlerà infatti anche del ruolo strategico che Ferrara svolse nel corso della Prima guerra mondiale, come base di sostegno delle truppe in partenza per il Fronte, del loro accoglimento al ritorno e di grande ospedale da campo quale la città finì quasi col trasformarsi quando, dopo la disfatta di Caporetto, il fronte arretrò sulla linea del Piave; su questo tema il dott. Trevisani ha dato peraltro da poco alle stampe, in collaborazione con Donato Bragatto, il volume “Ferrara per i soldati d’Italia” (edizioni Fr, 2020), titolo che riprende quello di un volumetto che fu pubblicato in città nel 1916, a guerra in pieno corso, allorché il Comitato di Preparazione e Organizzazione civile di Ferrara ne utilizzò i proventi delle vendite per il sostegno economico del ‘Posto di Conforto’, una struttura che sorgeva preso la Stazione ferroviaria e che aveva l’obiettivo di fornire assistenza ai soldati in transito da e per il Fronte e a quelli che necessitavano di cure nelle strutture sanitarie cittadine. Per gli allievi dell’Istituto Einaudi dunque, nell’anno in cui si celebra il Centenario della sepoltura del Milite ignoto all’Altare della patria – la salma fu tumulata il 4 novembre del 1921 dopo avere viaggiato su un carro ferroviario da Aquileia a Roma di fronte a milioni di italiani che assistettero al transito –, ci sarà anche la possibilità di ascoltare gli esiti di questa recente ricerca condotta dal bravo relatore.

Il dott. Enrico Trevisani lavora dal 1996 per il Centro di Documentazione Storica del Comune di Ferrara, ha all’attivo una ventina di pubblicazioni e cura moltissime mostre; collabora con la Marina Militare (Museo tecnico navale di La Spezia e museo storico navale di Venezia), con l’Aeronautica Militare e con altri Enti e Associazioni in Italia e all’estero e svolge un’intensa attività didattica con le scuole; proprio per conto dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia-Romagna dal 2011 si adopera alla realizzazione del progetto “Quante Storie nella Storia” cui partecipa anche l’Assessorato alle Politiche e Istituzioni Culturali, Servizio Biblioteche e Archivi del Comune di Ferrara.

Ti potrebbe interessare:
TEATRO EX VERDI
Vedere la guerra in periodo di guerra: con “Due ieri fa” Roberta Pazi rappresenta l’oggi
San Pietro Fontana lato nord
PRESTO DI MATTINA
Il battito in ogni cosa
bambola triste
GUERRA. GLI OCCHI SPENTI DEI BAMBINI
mare alba raggio vento
PRESTO DI MATTINA
Il vento raggiante del tuo linguaggio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi