COMUNICATI STAMPA
Home > AVVENIMENTI > Ferrara Off, al baluardo del teatro tutto il meglio della stagione

Ferrara Off, al baluardo del teatro tutto il meglio della stagione

best-off
Tempo di lettura: 6 minuti

Si sente già il profumo dell’estate nell’aria, ma l’associazione Ferrara Off per il momento non sembra voler rallentare il ritmo anzi ha appena dato il via al suo “Best Off” per il pubblico ferrarese. È questo il titolo della terza rassegna organizzata nella sala di viale Alfonso I d’Este, dopo “Ricomincio da uno” e “Luci d’Inverno”. Per il nuovo ciclo di appuntamenti, che è iniziato lo scorso week-end e andrà avanti per tutto il mese di giugno, il direttivo dell’associazione – Giulio Costa, Beatrice Furlotti, Monica Pavani, Roberta Pazi e Marco Sgarbi – ha pensato di proporre il meglio delle rassegne di Ferrara Off, così chi ha perso qualche spettacolo potrà recuperare, e chi non è mai andato potrà curiosare e conoscere meglio quello che succede sul baluardo del Montagnone. Come ci spiega Marco, “siamo spinti dal desiderio di continuare a solleticare il pubblico ferrarese e non con le nostre produzioni, per farlo affezionare al nostro lavoro e il rischio di avere anche serate meno affollate non ci spaventa”.

best-off

Le giovani interpreti di ‘Ci si vede ancora’

“Best Off” è iniziato lo scorso fine settimana con quattro repliche di “Ci si vede ancora”, quella di sabato mattina dedicata alle scuole in occasione della Giornata dell’Europa è stata “affollatissima” ci dice Marco con orgoglio. Lo spettacolo è un adattamento teatrale di “Presque jour” dell’autrice svizzera Sylvie Neeman Romascano. Per continuare il lavoro di sperimentazione con Roberta Pazi e le giovani attrici del Laboratorio teatrale per ragazzi, il regista Giulio Costa ha deciso di amplificare il personaggio dell’adolescente Marie, facendo comparire le tre protagoniste dell’allestimento precedente tutte insieme sulla scena, “senza avvertirmi prima”, ha scherzato sabato sera Roberta Pazzi.

best-off

Giulio Costa in ‘Senza titolo’

Venerdì 15 e sabato 16 maggio sarà proprio Giulio Costa ad andare in scena con “Senza titolo”, Premio Eceplast Festival Troia Teatro 2011, premio del pubblico Finestre di teatro urbano 2011. Il fine settimana successivo (22 e 23 maggio) toccherà a Marco Sgarbi reinterpretare il padre del socialismo in “Marx a Soho”, l’irriverente e umanissima versione del filosofo dello storico Howard Zinn: non solo il teorico di economia politica, ma il rivoluzionario che si appassiona ai moti del 1848 in Europa, alla lotta dell’Irlanda contro l’Inghilterra, che si indigna nel vedere quotidianamente il decadimento morale e materiale cui sono sottoposti gli uomini, nella Londra della sua epoca come nella New York odierna.

best-off

Giulio Costa e Elsa Bossi in ‘Immobili’

Il 5 e 6 giugno Elsa Bossi e Giulio Costa con “Immobili” racconteranno da due punti di vista diversi, a volte dissonanti a volte no, un pezzo di Novecento italiano attraverso la costruzione e decostruzione della casa del popolo “Rinascita” di San Vito di Spilamberto. Last but not least, ogni giovedì di giugno Jorge Alberto Pompé e Marco Sgarbi saranno l’uno di fronte all’altro per il loro “Finto contatto”. “Essendo basato su un canovaccio sul quale si inserisce la nostra improvvisazione, è uno spettacolo sempre in evoluzione – ci spiega Marco – e poi iniziamo le prove dal 24 maggio, quindi tutto può ancora succedere!” E secondo quanto ci ha anticipato Marco potrebbero esserci sorprese sul baluardo del Montagnone anche per i mesi dell’estate inoltrata, perché “è bello sapere che in città c’è qualcosa da fare anche in piena estate per chi non va al mare”.

best-off

Marco Sgarbi in ‘Marx a Soho’

Al termine di tutti gli spettacoli, come è ormai tradizione nella dimensione raccolta della sala di viale Alfonso I d’este, registi e attori incontreranno il pubblico perché Ferrara Off vuole essere non solo un luogo di fruizione, ma anche di incontro e di confronto sull’esperienza teatrale, in cui il pubblico possa sentirsi parte di una comunità. “In fondo – afferma Marco – è questo il nostro modo di concepire il lavoro di compagnia: stare a stretto contatto con gli spettatori, anche di più rispetto al teatro tradizionale, e sottoporci al loro giudizio”. Un impegno con il proprio pubblico che viene premiato dal costante aumento dei tesserati dell’associazione: il 2014 si era chiuso con 470 tesserati, “ad oggi tra rinnovi e nuovi iscritti, siamo intorno alle 750-800 persone”.
Secondo Marco, “L’idea di una comunità in cui incontrarsi e confrontarsi e il rispetto e l’impegno verso il proprio pubblico è ciò che abbiamo in comune con Ferraraitalia, che ci sta aiutando a far conoscere il nostro lavoro e che abbiamo deciso di sostenere nella sua campagna di crowdfunding”.

La campagna “Una redazione condivisa per Ferraraitalia”, iniziata lunedì 11 maggio, ha l’obiettivo di reperire le risorse necessarie perché la nostra redazione possa crescere e rispondere sempre meglio alle sollecitazioni dei lettori che si sentono coinvolti. Per tutte le info sulla campagna di crowdfunding “Una redazione condivisa per Ferraraitalia” clicca qui.

Per saperne di più sulla rassegna “Best Off. Il meglio delle rassegne di Ferrara Off” [vedi].

Foto di © Daniele Mantovani

 

Commenta

Ti potrebbe interessare:
E mi rilasso
Una stagione all’inverno
L’estate dell’Ottanta
La vacanza, la bomba, la scelta di mio padre
Agosto, estate
Uno strano agosto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi