9 Maggio 2019

FERRARA | sabato sera 11 maggio allo Spirito una serata dedicata ad Alberto Alberti, l’uomo che portò il jazz a Bologna e inventò Umbria Jazz

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 4 minuti

Da: Il Gruppo dei 10
Una vita per il jazz, che a raccontarla tutta, non basterebbe un’altra vita. L’ultima serata di Tutte le Direzioni in Springtime 2019 – in programma per sabato 11 maggio allo Spirito di Vigarano Mainarda (Ferrara) – nasce dalla volontà di ricordare l’indimenticabile Alberto Alberti, scomparso nel 2006, figura che ha contribuito ad allargare i confini della cultura musicale italiana, attraverso una forte passione, il jazz, diventato per lui anche l’attività professionale principale.

Alberto Alberti era il jazz in Italia. Appassionato di jazz fin dalla tenera età, nel 1953 intraprese un viaggio in Inghilterra insieme all’amico Carlo Trevisani. Lì il destino li fece incontrare a Londra con il proprietario di un negozio di dischi jazz, Colin Pomroy, che propose loro di aprire in Italia un negozio di LP jazz d’importazione. Nacque così, all’ammezzato di via Caprarie 3 a Bologna, il mitico “Disclub”, primo negozio in Italia dedicato solo a dischi jazz esclusivamente d’importazione, e che divenne ben presto la fucina dell’attività jazzistica in Italia. Insieme ad Antonio ‘Cicci’ Foresti, pochi anni dopo, creò il Festival Jazz di Bologna. Dal 1958, sotto le Due Torri, suonarono artisti come Chet Baker, Charlie Mingus, Bill Evans, Ray Charles, B.B. King, Dizzy Gillespie, Thelonius Monk, Miles Davis, Ella Fitzgerald… ma forse è meglio sospendere l’elenco trattandosi praticamente dell’intera enciclopedia del jazz, tanto da rendere Bologna un punto di riferimento a livello internazionale per tutti gli appassionati del genere. Nel 1973, insieme a Carlo Pagnotta, inventa, è proprio il caso di dirlo, Umbria Jazz, che diventerà uno dei festival più importanti nel panorama mondiale.

Un personaggio fondamentale anche per Ferrara. È grazie a lui, e alla grande amicizia con Alessandro Mistri, attuale direttore artistico de Il Gruppo dei 10, che il jazz nella città estense, dal 1978 in avanti, è cresciuto fino ad assurgere l’attuale importanza. Lunghissimo il periodo in cui, tra Ferrara e Comacchio, vennero organizzati concerti, ideati progetti e portati musicisti in esclusiva nazionale. Fra questi ricordiamo l’edizione degli “Incontri jazz Comacchio” del 1996, quando sviluppando una sua idea, si celebrò il gemellaggio fra il Ronnie Scott’s di Londra e il festival tenuto nella città lagunare dei Trepponti. L’accordo prevedeva che i migliori musicisti inglesi venissero a suonare alla manifestazione ferrarese, mentre un gruppo formato da alcuni dei migliori jazzmen emiliani si esibisse nel tempio del jazz londinese. Per due settimane fuori dal Ronnie Scott’s si poteva leggere lo striscione “Comacchio Jazz Encounters”, suscitando l’invidia nei confronti di tutti gli altri musicisti nostrani. Per questo il ricordo – ovviamente jazz – è affidato a Ellade Bandini, Roberto Rossi, Carlo Atti e Andrea Pozza, gli stessi che suonarono a Londra allora, oltre a Riccardo Fioravanti che, per l’occasione, sostituirà Ares Tavolazzi.

La serata s’intitola (citando un altro standard jazz) Just friends, che era il brano preferito di Alberti e che lui stesso amava suonare alla batteria (si autodefiniva il miglior piatto dell’Emilia Romagna). Sotto la regia congiunta di Bandini e del Gruppo dei 10, sarà una vera e propria ‘surprise night’. Tra gli invitati ci sono infatti ‘Cicci’ Foresti e Carlo Pagnotta, sovrintendente di Umbria Jazz, a cui si aggiungeranno, anche per una probabile jam finale, Gaspare Pasini, sax contralto, grande amico di Alberti e organizzatore di grandi eventi jazz a Pordenone, Piero Odorici, sax tenore, già membro dei “Comacchio Jazz Encounters” nell’edizione 1995 del festival, il celebrato chitarrista felsineo Jimmy Villotti e altri musicisti fortemente legati a quella magnifica epopea. Solo attraverso la musica si può ricordare una figura come quella di Alberto Alberti, e la sua vita fatta di magnifiche contraddizioni. È stato il Signore del Jazz, uomo burbero e gioviale, al contempo solitario e socievole, rigoroso e generoso fino alla fine.

Il concerto inizia alle 21.30. Il locale apre l’american bar alle ore 20, con possibilità sia di cena alla carta sia di ingresso ‘easy’ che prevede, con 20 euro compreso al biglietto per il concerto, una consumazione (cocktail o calice di vino) con stuzzicheria artigianale e, a fine spettacolo, la ‘spaghettata informale di mezzanotte’. Per informazioni e prenotazioni: Spirito, 0532.436122 e 339.4365837. Il Gruppo dei 10 è anche su Facebook.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • INTERNAZIONALE 2022
    Città Visibili e Città Ideali… tutte da costruire

  • Primi scatti da Internazionale Ferrara

  • Save The Park: oggi, alle 16,30 il flash mob al Parco Urbano Bassani
    (Lettera ad un sindaco duro d’orecchi)

  • terra ambiente economia sostenibile generazioni

    PRESTO DI MATTINA /
    Non è una utopia

  • RICERCA E SOLIDARIETÀ
    Nistagmo, questo sconosciuto

  • ELEZIONI: “Si respira aceto”
    e a seguire: “Il lavoro da morire”

  • Parole a capo
    Roberta Lipparini: “Nei titoli di coda”. Parole in libertà ma senza debordare troppo…

  • the end, fine, capolinea

    ELEZIONI: IL PD A FINE CORSA?
    Non basta un congresso e un nuovo segretario, dovrà cambiare un’intera strategia politica

  • DONNA, VITA, LIBERTÀ
    Può succedere a Ferrara…

  • Parole e figure /
    La signora Bigodino, la la la la la

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi