Home > COMUNICATI STAMPA > Festa della Repubblica realizzato in collaborazione con la Scuola d’Arte Cinematografica Florestano Vancini di Ferrara

Festa della Repubblica realizzato in collaborazione con la Scuola d’Arte Cinematografica Florestano Vancini di Ferrara

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Organizzatori

La Scuola d’Arte Cinematografica Florestano Vancini, sempre attenta e sensibile alla storia recente italiana, nei mesi drammatici della pandemia ha continuato a lavorare, studiare e a produrre nuovi progetti artistici.

Dopo il grande successo delle letture interpretate dagli allievi di recitazione della scuola sul testo di Renata Viganò, L’Agnese va a morire, per i 75 anni dalla Liberazione, gli studenti hanno intrapreso una nuova e affascinante sfida: realizzare un video sui i primi dodici articoli della Costituzione, i Principi Fondamentali.

I ragazzi di recitazione della Vancini prestano la loro voce e il loro volto nella lettura degli articoli.

Questo progetto, dal titolo “2 giugno Festa degli italiani. Il sapore della libertà”, in collaborazione con Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara e Prefettura di Ferrara, è pensato per la Festa della Repubblica, che ricorre come ogni anno questo 2 giugno.

Per l’importante video/progetto, il Prefetto di Ferrara Michele Campanaro ha voluto donare una sua introduzione alle letture dei ragazzi, una vera lectio storica.

L’intervista al Prefetto è stata girata dall’allievo Francesco Meatta di regia della Scuola Vancini, in collaborazione con il docente di sceneggiatura Vito Contento e dalla professoressa Anna Maria Quarzi, presidente ISCO.

Il video verrà diffuso sulle reti degli istituti di storia italiani ed europei.

Il progetto, già provvisto della traduzione nella lingua francese (lingua ufficiale dell’Unione Europea), sarà poi tradotto anche in spagnolo, tedesco e inglese in modo da poter essere riproposto da tutti gli istituti di storia europei. Proprio da questi sono già arrivate numerose richieste tanto che avrà possibilità di diffusione tramite gli istituti di Parigi, Berlino, Madrid e Londra.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi