Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > Festeggia con Lipu alla scoperta di oasi e riserve naturali

Festeggia con Lipu alla scoperta di oasi e riserve naturali

lipu

Se volete fare un tuffo nella natura incontaminata, magari con i vostri bambini, rallentare almeno per qualche ora il ritmo delle giornate dense di impegni, la Lipu ha una proposta che fa per voi: domenica 24 aprile, la Lipu apre le sue oasi e riserve in 23 “paradisi della natura” italiani, dove si potrà assistere alla liberazione di animali selvatici curati nei centri recupero e osservare la nidificazione degli aironi.

All’Oasi Isola Bianca di Ferrara, una delle più antiche isole fluviali del fiume Po, oltre a godere della pace e della bellezza del luogo, potete trovare ben 92 specie vegetali, 76 specie di uccelli, molte specie di mammiferi, di insetti, anfibi e rettili. Per quanto riguarda la flora sono presenti la farnia, il gelso, la robinia, il pioppo bianco, il pioppo nero, l’olmo, il salice bianco. Tra gli uccelli, il picchio rosso maggiore, che è il simbolo dell’oasi e il raro picchio verde. Tra i mammiferi, sono presenti soprattutto micro-mammiferi, roditori e insettivori. Fra gli anfibi: la rana verde, la rana agile, la raganella, il rospo e il rospo smeraldino. Fra i rettili: la biscia dal collare, il ramarro, la lucertola campestre. Vivono qui inoltre diverse testuggini palustri.

isola-bianca

Oasi Isola Bianca di Ferrara

L’Isola Bianca: sembra che l’isola fosse già esistente al tempo degli Estensi (1400-1500), che la usavano per le feste estive all’aperto. Oggi l’Isola Bianca è un Oasi di protezione faunistica della Provincia di Ferrara e affidata in gestione alla Lipu. Istituita nel 1991, l’Oasi comprendeva allora solamente l’isola (circa 40 ettari). Negli anni successivi sono stati aggiunti terreni golenali fino ad arrivare agli attuali 360 ettari.

Indicazioni stradali per raggiungere l’Isola Bianca: In auto e autobus: l’isola si trova sul fiume Po, tra Pontelagoscuro e Francolino, al limite nord del Parco Urbano. Si può raggiungere in auto o in autobus (numero 11), partendo da Pontelagoscuro e proseguendo per via Ricostruzione verso est; circa 300 metri dopo il sottopassaggio ferroviario si arriva al Centro Visite. In bicicletta: da Ferrara in direzione nord lungo la ciclabile FE 203, svoltando poi a sinistra in direzione Bondeno, si giunge nell’area dell’Oasi naturalistica Isola Bianca, che si affaccia su sul Percorso cicloturistico Destra Po e il Grande anello d’acqua del Burana.

Immagini rappresentative di Ferrara in tutti i suoi molteplici aspetti, in tutte le sue varie sfaccettature. Foto o video di vita quotidiana, di ordinaria e straordinaria umanità, che raccontano la città, i suoi abitanti, le sue vicende, il paesaggio, la natura…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
metodo naomo post fb
Nuovi modelli per affrontare il presente
LE NOSTRE RADICI
Spina, la sfinge dell’Adriatico
LA PROPOSTA
I rischi di un Internazionale bulimico e la necessità di contrastare il ventre molle di Ferrara
DIARIO IN PUBBLICO
Treni, cultura e vecchi merletti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi