Home > STORIE > ALTRI SGUARDI > Filastrocca della mascherina
Tempo di lettura: < 1 minuto

Se avessi una bella mascherina
tapperei la bocca alla gente
che ripete da sera a mattina:
“Vai che non succede niente”.

Se ne avessi una bella grossa
benderei bene quei soggetti
che se leggono “zona rossa”
fan la ressa… quei furbetti.

Se ne avessi una per orecchio
eviterei di sentire certe Barbie
divertirsi a criticar parecchio,
parlar male e far gli “sgarbi”.

Se ne avessi una di metallo,
la userei, anche se è abbiente,
per buttar giù dal piedistallo
colui che si crede onnipotente.

Se ne avessi una con le righe
ci stamperei: “Lo dice la Nasa
che per combattere le sfighe
bisogna proprio stare in casa”.

Se ne avessi una tutta a pois
ci scriverei e ne farei bandiera
quando questo periodo finirà:
“Viva la sanità pubblica intera”.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
ELOGIO DEL PRESENTE
Il virus della solitudine
DIARIO IN PUBBLICO
Imitazione e verità
DIARIO IN PUBBLICO
Sui rimedi alle tremende (e istruttive) volgarità televisive
La ricerca dei soldi nasconde l’incapacità di fare politica

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi