Home > STORIE > ALTRI SGUARDI > Fiori di resistenza civile

Fiori di resistenza civile

Tempo di lettura: 2 minuti

E’ stato un 4 novembre particolare: la Giornata dell’Unità nazionale ha visto sfilare a Ferrara un numero inusitato di cittadini accanto al pennone dell’alzabandiera collocato dinanzi al duomo. Centinaia di donne e di uomini hanno depositato fiori o semplici messaggi per testimoniare la propria lealtà agli ideali repubblicani e costituzionali e lo sdegno per lo sfregio causato poche sere prima dall’esponente cittadino della Lega, Naomo Lodi, che su quel pennone riservato alla bandiera della Repubblica italiana ha issato il vessillo del proprio partito. Un gesto apparentemente goliardico agli occhi di qualcuno che ne ha voluto sminuire la portata, ma dal valore altamente simbolico in considerazione del clima generale che caratterizza questa delicata fase della vita politica e sociale italiana. “E’ stato un bel momento – ha dichiarato Alessandra Tuffanelli, caparbia attivista della sinistra ferrarese -. La partecipazione è stata veramente buona, e c’era tanta gente “normale”, cittadine e cittadini comuni, non i soliti politici o politicanti, a voler dare un messaggio posando un fiore. Bambini, anziani, famiglie, persone di ogni età. Tutti accomunati dagli stessi sentimenti e ideali. Essere lì ha rialimentato in me le speranze, oramai più che affievolite, che ancora una possibilità l’abbiamo. Ma dobbiamo essere molto bravi e soprattutto molto uniti”.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
I stand with Ken Loach
Monopoli di Stato, come fumarsi le persone
Antonio_Gramsci
GLI SPARI SOPRA
«Care compagne e cari compagni».
crisi-sinistra
GLI SPARI SOPRA
L’analisi del Boh

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi