Home > COMUNICATI STAMPA > Fissare un tetto al costo dei tamponi nella sanità privata dell’Emilia-Romagna

Fissare un tetto al costo dei tamponi nella sanità privata dell’Emilia-Romagna

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Stefania Minghini

Silvia Zamboni, Capogruppo Europa Verde: “Abbiamo rilanciato alla Giunta regionale l’appello di Federconsumatori per fissare il costo massimo dei tamponi, come fatto in Campania. È una misura di buonsenso, che va incontro alle esigenze delle famiglie e che impedisce possibili speculazioni”.

Bologna, 30 novembre 2020 – Il Gruppo Europa Verde dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha raccolto l’appello di Federconsumatori al presidente della Regione Stefano Bonaccini, e all’assessore alla sanità Raffaele Donini, perché si fissi un tetto massimo al costo dei tamponi naso-faringei fatti nelle strutture della sanità privata. La misura richiesta da Federconsumatori e appoggiata da Europa Verde vuole porre rimedio al costo eccessivo dei tamponi naso-faringei eseguiti nelle strutture private, costo che secondo quanto denunciato dall’associazione dei consumatori oscilla mediamente tra 90 e 120 euro. Per questo Federconsumatori e Europa Verde hanno chiesto alla Regione Emilia-Romagna di stabilire un costo massimo inferiore ai prezzi praticati al momento, sul modello di quanto fatto recentemente dalla Regione Campania che l’ha fissato a 42 euro.

“Si tratta di una misura di buonsenso che va incontro alle esigenze delle famiglie, già provate dalla crisi innescata dalla pandemia, crisi che sta rendendo ancora più acute le disuguaglianze sociali – dichiara Silvia Zamboni, Capogruppo di Europa Verde e Vice Presidente dell’Assemblea legislativa – Per questo ho appoggiato la richiesta formulata da Federconsumatori presso la Giunta che ha annunciato l’impegno a valutare una misura in questa direzione. L’Emilia-Romagna, con le sue eccellenze nella sanità, è in prima linea nel contrasto alla diffusione del coronavirus. Dare certezze ai cittadini sul costo dei tamponi nelle strutture private al di là di eventuali speculazioni è un’arma in più per promuovere lo screening e quelle azioni preventive in grado di alleviare la pressione sugli ospedali”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi