Home > STORIE > ALTRI SGUARDI > Florence, quando la passione supera il talento
Tempo di lettura: 3 minuti

Una storia vera incredibile, quella di Florence Foster Jenkins (Maryl Streep), classe 1868, nel film ‘Florence’ del britannico Stephen Frears: la ricca melomane che si crede dotata per il canto e che sfida, per esso, palcoscenico, pubblico e armonia del suono. La vita stessa.

Siamo a New York, anno 1944, quando la ricca signora, pur indebolita da una malattia che si porta dietro dalla prima notte di nozze, con testardaggine, caparbietà e tenacia decide di ‘perfezionare il suo talento’ con un noto maestro di canto della città, Cosmé McMoon (Simon Helberg). Le virgolette sono d’obbligo, se si sentono i suoi strilli che quasi bucano lo schermo privi di ogni linearità e musicalità. Vocalizzi che marito (St. Clair Bayfield, interpretato da Hugh Grant) ed entourage compiacente decidono comunque di incoraggiare.
Perché Florence è generosa, non solo per il supporto alla vita musicale e culturale cittadina – mecenate delle arti musicali, l’ereditiera fonda anche il ristretto circolo The Verdi Club, alla fine degli anni Venti – ma per il suo regalare e regalarsi una terapia che le permetta di vivere serenamente, lontano da fantasmi passati e pieni di tristezza e ansia. Il diletto si trasforma, però, presto in ossessione febbrile di calcare le scene, quelle serie, quelle importanti, quelle piene di luci e luccichii, come la Carnegie Hall. Desiderio che consorte e maestro decidono di assecondare, per amore, affetto e devozione. Sperando che il tutto non volga al fiasco, tra critici letterari spietati e pubblico esilarato. Florence era ed è stonata come una campana, probabilmente la peggior cantante del mondo, come titolerà il temuto critico musicale del ‘New York Post’, un pezzo che il devoto St Clair cerca di non far leggere a Florence.

Ma in tutto questo vi è la splendida e unica tenerezza nel prendersi cura di una donna malata e tenace, una presenza continua, costante e assidua fatta di gesti gentili e amorevoli, un amore che prende varie forme, inclusa quella della protezione. È un’immensa tensione fra talento e passione. L’una non dovrebbe poter fare a meno dell’altra, ma qui sembra proprio il contrario. La passione vince. E la sincerità soprattutto, e comunque…

Florence, di Stephen Frears, con Meryl Streep, Hugh Grant, Simon Helberg, Rebecca Ferguson, Nina Arianda, John Kavanagh, David Haig, Christian McKay, Mark Arnold, Gran Bretagna, 2016, 111 mn.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
L’immagine che non si era mai vista. Un reperto unico in mostra a Ferrara
FACCI CASO
La Borsa o la vita
Il ricco sottosuolo della periferia ferrarese
L’invidiabile skyline estense

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi