Home > PARTITI & DINTORNI > Fondi Meis: il Ministero già a novembre aveva deciso di dirottare i finanziamenti

Fondi Meis: il Ministero già a novembre aveva deciso di dirottare i finanziamenti

Da: Ufficio Stampa Gruppo Partito Democratico

Marcella Zappaterra: “Nuove informazioni emerse oggi in Assemblea Legislativa. Il Governo sulla questione Meis ha la coscienza sporca”

“Sul MEIS il governo ha la coscienza davvero sporca. – attacca la consigliera regionale Marcella Zappaterra, che spiega – Oggi in Aula ho presentato un’interrogazione urgente, che precede la discussione più approfondita della risoluzione depositata insieme al collega Paolo Calvano, sulla sparizione, è proprio il caso di chiamarla così, dei 25 milioni di euro per ultimare il MEIS”.

“Grazie all’interrogazione è addirittura emerso dall’assessore Massimo Mezzetti, che ringrazio della chiarezza e della franchezza, che la Regione Emilia-Romagna, in maniera del tutto accidentale ha avuto solo di recente informazioni ufficiali circa la volontà del Ministero di stralciare i fondi per completare il MEIS. Dalla comunicazione ricevuta dall’Assessore Mezzetti si evince – prosegue Zappaterra – che già da novembre 2018 il ministero, nel corso di un incontro con una delegazione del CDA del Meis, aveva manifestato chiaramente l’intenzione di ridimensionare il progetto. Bloccando l’ultimo e più moderno lotto, quello che simboleggia i libri del Pentateuco, riassorbendo il contributo già deliberato di 25 milioni di euro. Fondi che non saranno recuperabili se non reiscrivendo a bilancio un nuovo stanziamento”.

“Noi non ci diamo per vinti e ci comporteremo come per il bando periferie: non ci stiamo a rinunciare passivamente a fondi essenziali per realizzare un museo internazionale e dall’altissimo valore scientifico e simbolico. Ieri – conclude Zappaterra – ho letto le parole che la cantante Noa ha scritto dopo la sua visita al museo. Iniziava così, ma invito a recuperare il suo messaggio per intero: ‘Vedo questo museo come una fonte di grande orgoglio per Ferrara, un altro gioiello nella vostra corona già scintillante’. Non possiamo accettare che questo gioiello rimanga incompleto per qualche capriccio o svista di chi governa oggi il Paese”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi