1 Settembre 2014

IL FATTO
Fondi strutturali, un fiume di risorse
che esonda in chiacchiere

Giuliano Guietti

Tempo di lettura: 6 minuti

fondi-strutturali

Nei mille salottini televisivi che ormai hanno preso stabilmente il posto delle chiacchiere al bar di qualche decennio fa, accomunati dalla loro vacuità, oggi va di moda parlare di Fondi strutturali europei. Spesso vengono evocati come ancora di salvezza, ultimo treno da prendere al volo per accompagnare l’uscita del nostro Paese (e dell’intero nostro Continente) dal buio senza fine di questa crisi. Certo, si aggiunge, “bisognerebbe spenderli tutti”, quei Fondi, e soprattutto “spenderli meglio”, come ha avuto occasione di rimarcare anche il nostro Presidente del consiglio. Seguono ipotesi varie e immaginifiche sulle possibili destinazioni di questo fiume di risorse.

Purtroppo però c’è ancora molta confusione sulla strada della concreta disponibilità operativa dei Fondi 2014-2020 (circa 114 miliardi, compresa la quota di cofinanziamento) e questa confusione non è a dire il vero tutta imputabile alla negligenza delle istituzioni italiane.
Il primo problema è rappresentato infatti dall’estrema complessità delle procedure previste dai regolamenti dell’Unione europea: lunghi e tortuosi iter di approvazione, moltissimi documenti da compilare, intricati adempimenti amministrativi, molta burocrazia, controlli farraginosi e spesso più formali che sostanziali. Persino un linguaggio un po’ barocco, che sembra fatto apposta per scoraggiare i non addetti ai lavori. Tra “obiettivi tematici”, “assi”, “priorità”, “fabbisogni”, “misure”, “sottomisure”, ecc. ecc. a volte riesce davvero difficile raccapezzarsi.

La cornice nazionale delle scelte in base a cui procedere nella destinazione delle risorse dovrebbe essere definita dall’ “accordo di partenariato” tra Italia e Commissione europea. Peccato che una prima bozza di questo accordo, spedita dal Governo Letta alla Commissione Ue il 9 dicembre del 2013 sia stata sepolta da quest’ultima sotto una montagna di osservazioni critiche e di rilievi.
Così una versione “definitiva”, riveduta e corretta, è stata inviata alla Commissione nelle ultime ore prima della scadenza prevista del 22 aprile 2014. Entro quattro mesi da quella data, in base al regolamento, avrebbe dovuto avvenire l’approvazione finale del testo. Però il 22 agosto è trascorso e ancora non se ne ha notizia, nonostante gli annunci sia della Commissione Ue sia del Governo italiano dessero già ad inizio luglio come “imminente” la conclusione del negoziato. «L’intesa – dichiarò allora il commissario alle Politiche regionali Johannes Hahn – sarà raggiunta entro fine luglio». Nel frattempo qualche organo di stampa ha fatto filtrare, a cavallo di Ferragosto, indiscrezioni secondo le quali le questioni non risolte sarebbero ancora diverse e importanti.

Entro il 22 luglio però le Regioni erano tenute ad approvare ed inviare a Bruxelles i propri Por (Piani operativi regionali) attraverso i quali l’Accordo di partenariato deve trovare applicazione. Così è stato. Le Regioni hanno approvato i loro Por, che nella fattispecie sono tre, uno per ciascuno dei fondi: Fse (Fondo sociale europeo), Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) e Feasr (Fondo europeo agricolo di sviluppo rurale). Si tratta di un materiale imponente, dal punto di vista volumetrico: per fare un esempio il solo Psr (Piano di sviluppo rurale) emiliano-romagnolo, applicativo del Feasr, consta di quasi 600 pagine, più gli allegati.
Peccato però che tutti questi Piani regionali dovrebbero essere coerenti rispetto ad una cornice programmatoria nazionale che – come si diceva – ancora non è nota, almeno nella sua versione finale.

Ma non basta. Perché questi Por dovrebbero incrociarsi con gli undici Pon (Piani operativi nazionali) che dovrebbero essere approvati dal Governo centrale. Questi Pon pescano le loro risorse dagli stessi Fondi europei e spesso riguardano materie molto vicine a quelle di cui si occupano i Por, avendo importanti ricadute anche sui territori regionali: ad esempio il Pon Istruzione oppure quello Occupazione o quello Inclusione. Peccato che di tutti questi Pon esistano al momento solo tracce, l’unico che finora si è concretizzato in un testo compiuto (ma non definitivo) è il Pon Città metropolitane. Il rischio che si finisca così per sovrapporre gli interventi è evidente.

E non basta ancora. Perché i Por dovrebbero infine incrociarsi anche con gli interventi e le risorse previsti da un altro Fondo strutturale, questa volta non europeo ma nazionale: il Fsc (Fondo sviluppo e coesione), che è l’erede del vecchio Fas (Fondo aree sottosviluppate).
L’ultima Legge di stabilità approvata attribuisce a questo Fondo per il 2014-2020 la bellezza di 54,8 miliardi, anche se ne rende disponibili per i primi tre anni soltanto 1,55.
Per dire dell’importanza di questo Fondo, la Regione Emilia-Romagna prevede, nei suoi documenti di programmazione, che grazie ad esso siano finanziati gli investimenti regionali su due capitoli tutt’altro che secondari per le traiettorie di sviluppo regionale: le infrastrutture per la mobilità (rinnovo del materiale rotabile, mobilità urbana sostenibile) e importanti interventi di salvaguardia del territorio (erosione del suolo e delle coste; rischio idraulico, idrogeologico e sismico; tutela e valorizzazione delle risorse ambientali e culturali).
Al momento però non c’è ancora neppure un accordo sulla ripartizione di queste risorse tra le Regioni, risorse che peraltro almeno fino al 2017 non saranno nemmeno disponibili. Quindi siamo ancora lontani dal poter immaginare una loro concreta destinazione.

Insomma, sarà davvero un miracolo se da tutto questo guazzabuglio si riuscirà a far uscire delle scelte sensate e soprattutto coerenti. Il rischio è che, come è già avvenuto in passato, molta parte dei quattrini finisca in finanziamenti a pioggia, di cui beneficiano in molti, non sempre i più meritevoli, ma senza che il sistema economico territoriale ne tragga nel suo insieme grande vantaggio.
Se così sarà, sarebbe troppo facile prendersela solo con le pur innegabili incapacità, deficienze e vocazioni clientelari di una parte almeno delle nostre Regioni. Forse è l’architettura del sistema che andrebbe ripensata, per renderla insieme più semplice, più comprensibile anche per i non addetti ai lavori, ma anche più funzionale ad un’efficace azione programmatoria.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giuliano Guietti

Laureato in legge, sindacalista, ha ricoperto vari incarichi nella categoria dei chimici Cgil e da ultimo quello di segretario generale della Camera del Lavoro di Ferrara. Attualmente opera in Cgil Regionale Emilia Romagna.
Giuliano Guietti

Ti potrebbe interessare:

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi