Home > COMUNICATI STAMPA > Formazione per i regionali che faranno i tutor per i nuovi assunti

Formazione per i regionali che faranno i tutor per i nuovi assunti

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Regione Emilia-Romagna

l progetto “Alba: sei dei nostri” avvia la formazione di coloro che dovranno formare i nuovi arrivati. Chi arriva dovrà da subito prendere confidenza con una Pubblica amministrazione che sta cambiamo molto velocemente: l’abitudine al digitale, smart working, accompagnamento al lavoro con momenti di formazione, questionari on line e valutazione periodica dell’apprendimento

Inizia con la formazione dei formatori il viaggio per accogliere i neoassunti in Regione: circa 500 nuove assunzioni previste entro il 2021, che verranno effettuate in seguito ai concorsi riavviati dopo il lockdown e ancora in corso.

L’idea è che la migliore accoglienza nell’Ente la possano garantire coloro che già ci lavorano. Persone che hanno maturato esperienza sul campo e che quindi possono offrire un importante patrimonio di conoscenza diretta. Ma per fare questo non ci potrà essere spazio all’improvvisazione, ed è per questo che da domani partirà il progetto formativo interno “Alba: sei dei nostri”: il primo progetto strutturato di onboarding della Regione Emilia-Romagna, nato per rendere più efficace e omogeneo l’inserimento lavorativo dei dipendenti che inizieranno la loro carriera nell’Ente.

Il primo webinar si aprirà con l’intervento dell’assessore regionale al Personale Paolo Calvano, destinato ai dirigenti e funzionari di ogni struttura, per definire le misure di accompagnamento dei neoassunti e per individuare i protagonisti coinvolti dal progetto di ingresso in Regione.

“Ora che i concorsi sono ripartiti ed entro novembre completeranno il loro cammino con le graduatorie di assunzione – afferma l’assessore Calvano -, la Regione inizia a preparare l’accoglienza e l’accompagnamento al lavoro per i nuovi dipendenti regionali. La ripartenza dell’Ente, in questo momento di staffetta generazionale oltre che sociale, passa anche dalla nostra capacità di accogliere e fare squadra”.

Oltre agli aspetti più strettamente professionali, che saranno curati da dirigenti e funzionari, il progetto Alba punta a favorire accoglienza, socialità e nuovi modelli di organizzazione del lavoro, con il ricorso diffuso al digitale e allo smart working, con il coinvolgimento di figure specializzate di tutto l’Ente.

Il percorso di accoglienza del neo assunto, dopo l’attivazione del contratto e l’individuazione della postazione di lavoro e degli strumenti necessari, prevede un incontro di benvenuto, corsi di formazione, un tutor a disposizione per conoscere al meglio la macchina regionale e il suo funzionamento./CL

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi