COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Formazione. Più opportunità per diventare operatore socio-sanitario in Emilia-Romagna

Formazione. Più opportunità per diventare operatore socio-sanitario in Emilia-Romagna

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Organizzatori

La Regione apre una nuova opportunità a tutti gli Istituti professionali dell’Emilia-Romagna a indirizzo ‘Servizi per la sanità e l’assistenza sociale’, già a partire dal prossimo anno scolastico. L’assessore Colla: “Un contributo per rispondere alla crescente domanda di personale qualificato in questo difficile periodo di emergenza Covid-19”

Prosegue e si estende a tutti gli Istituti professionali emiliano-romagnoli l’offerta formativa per qualificare gli operatori socio-sanitari. Questo in seguito ai risultati registrati grazie all’Intesa, che avrà durata quinquennale a partire dalle classi terze dell’anno scolastico 2020/2021, siglata la scorsa estate tra Regione e l’Ufficio Scolastico regionale. Un accordo che permette agli Istituti professionali dell’Emilia-Romagna a indirizzo “Servizi per la sanità e l’assistenza sociale” di rilasciare ai propri studenti, al termine del percorso di studi, anche la qualifica professionale di Operatore socio-sanitario (Oss).
Così la Regione ha deciso di confermare l’interesse e l’impegno a perseguire le finalità della sperimentazione e la volontà di far diventare questa opportunità sistema permanente dell’offerta formativa degli Istituti Professionali, che potranno ora aderivi senza alcun limite numerico delle classi attivabili.

“Nata con la finalità principale di ampliare le prospettive occupazionali degli studenti degli Istituti professionali dell’Emilia-Romagna questa iniziativa– ha dichiarato l’assessore regionale alla Formazione professionale e Lavoro, Vincenzo Colla–  diventa ora un ulteriore concreto contributo per rispondere alla crescente domanda di personale qualificato da parte delle strutture sanitarie e socio-assistenziali del nostro territorio, in questo difficile periodo di emergenza causata dal Coronavirus”.

Il Protocollo d’intesa, siglato il 2 agosto scorso, dà continuità al precedente realizzato nel 2015, che ha dato il via ad una sperimentazione che ha coinvolto 14 istituzioni scolastiche del territorio, che hanno potuto avviare attività per il rilascio della qualifica di Oss limitatamente ad alcune classi. La sperimentazione ha dato i primi risultati nel 2018, quando 202 ragazze e ragazzi neo-diplomati hanno ottenuto a seguito di un esame anche la qualifica professionale di Oss. Nel 2019 i qualificati sono stati 197 unità.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi