Home > FRA LE RIGHE / RUBRICA > FRA LE RIGHE
Agnese, la Magiara inquieta segregata nella gabbia di Ferrara

FRA LE RIGHE
Agnese, la Magiara inquieta segregata nella gabbia di Ferrara

magiara-alessio-fabbri
Tempo di lettura: 2 minuti

Ferrara anni Venti, atmosfera aristocratica e scorcio della città di un secolo fa. “La Magiara” è il primo romanzo di Alessio Fabbri, un giovane insegnante precario della provincia di Ravenna che a Ferrara ha studiato e lavorato. E alla città ha dedicato il romanzo di cui è protagonista Agnese Mallasz, ereditiera veneziana che arriva a Ferrara per motivi familiari. Una storia di legami difficili, parentele, segreti e amari opportunismi.

Agnese vive una vita per sottrazione: perde i veri familiari, perde l’amore, perde i suoi luoghi d’origine. Che opportunità è il trasferimento a Ferrara?
I parenti che la accolgono hanno diverse aspettative su di lei che, però, non coincidono con ciò che Agnese è e con ciò che vorrebbe fare. A Ferrara trova una gabbia, la sua vita si complica ulteriormente, problemi si aggiungono a problemi. Non può, allora, che ricorrere alla violenza, altri modi non ne conosce, è una donna tormentata, di passione, cova un desiderio di rivolta e riscatto sociale.

Potremmo definirla una femminista ante litteram?
Certo. Agnese fa molta fatica, vuole un ruolo per se stessa in quanto donna, vuole anche per sé una rivendicazione sentimentale. Il suo femminismo è personale, non riesce a fare proseliti, le altre donne non la seguono, Agnese rimane sola e delusa in questo. Si avvicina ai movimenti femministi di avanguardia che, però, sono male organizzati e dispersivi.

Cosa significa Magiara?
Non è solo il sinonimo non convenzionale di ungherese, che riporta alle origini di Agnese, è il suo alter ego, il suo essere ‘straniera’, destinata a far parlare di sé, diversa e, alla fine, sola. Il libro è nato attorno a questa parola, da lì sono partito per costruire la storia della protagonista inserita, poi, nella cornice ferrarese.

La Magiara“, di Alessio Fabbri, edito da Sillabe di Sale, sarà esposto al salone del libro di Torino dal prossimo 14 maggio.

Ti potrebbe interessare:
Il tramonto chimico di Ferrara
Nati con la camicia
falò fiamme fuoco
DIARIO IN PUBBLICO
Volgarità, nel tuo nome tutto è possibile
san giorgio e il drago paolo uccello
PRESTO DI MATTINA
San Giorgio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi