Home > FRA LE RIGHE / RUBRICA > FRA LE RIGHE
L’essenziale inutilità
paola-mastracola-cose-inutili

Un libro che salva un asino che salva un ragazzino. Cose inutili, sembrerebbero, un esercito di cose inutili: trapiantatori di primule, principi azzurri, scollatori di francobolli, guardatori di luna, tagliatori di melone, raccoglitori di conchiglie, cavatappi. Tutti finiti nel Paese delle cose inutili dove è inutile chiedersi il perchè. In questo paese si trova anche Raimond, un asino vecchio e malandato, quindi ormai inutile.
Raimond incontra un libro, Reso, cioè reso, uno di quei libri che non servono più, cacciati via dagli scaffali e destinati al macero. Raimond è un asino adottato a distanza da Guglielmo, un ragazzino a cui i genitori decidono di regalare solo cose utili e simboliche, un asino per esempio. Guglielmo soffre, ha bisogno di aiuto e Raimond trasforma quell’esercito di cose inutili in una spedizione, una specie di assalto di cose utili che diventano una festa e salvano Guglielmo.
Al fianco di Raimond c’è sempre Reso, così preparato, sa sempre tutto lui, è un libro. Un libro e un asino, che assurdità. Ma Raimond non sa che tipo di libro Reso sia, perchè lui non vuole essere letto, non glielo permette e Raimond, ormai, non glielo chiede neanche più. Finchè Reso, come talvolta capita anche alle persone, decide che il momento è arrivato, si apre e si fa leggere. Raimond può finalmente sapere di cosa parlano tutte quelle pagine e che titolo abbia il libro. Lo legge e trova la sua storia, la loro storia e quella dell’esercito delle cose inutili, tutto già scritto in quelle righe che sono Reso, un libro che nessuno voleva più.
Ma all’ultima pagina, Raimond non vuole arrivare, non vuole leggere come andrà a finire. Alla parola fine preferisce giungere vivendo.

Paola Mastrocola, “L’esercito delle cose inutili”, Einaudi, 2015

Commenta

Ti potrebbe interessare:
DI MERCOLEDI’
La noncuranza con cui lascia cadere nel vuoto le parole
Shut up
I DIALOGHI DELLA VAGINA
Quattro lettere: ad ogni lettore il suo evitante
I DIALOGHI DELLA VAGINA
Inodore e insapore come lui

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi