Home > COMUNICATI STAMPA > Gabriele Salvatores alla C.R. Femminile di Giudecca

Gabriele Salvatores alla C.R. Femminile di Giudecca

da: Associazione Culturale Balamòs

Prosegue anche quest’anno la collaborazione di Balamòs Teatro con la Mostra del Cinema di Venezia, nell’ambito del progetto teatrale “Passi Sospesi” attivo negli Istituti Penitenziari di Venezia dal 2006.
La collaborazione con la Mostra di Venezia ha avuto inizio nel 2008 con la presentazione dei documentari di Marco Valentini relativi alle attività teatrali svolte sotto la direzione di Michalis Traitsis, regista e pedagogo di Balamòs Teatro.
Da allora ogni anno Traitsis invita un regista o un attore ospite della Mostra per un incontro con i detenuti e le detenute degli Istituti Penitenziari veneziani, preceduti dalla presentazione dei film più rappresentativi dei registi o attori invitati.
In questi ultimi anni hanno visitato le carceri veneziani Abdellatif Kechiche, Fatih Akin, Mira Nair, Gianni Amelio e Antonio Albanese. Quest’anno visiterà la Casa di Reclusione Femminile di Giudecca il regista Gabriele Salvatores, ospite della Mostra di Venezia con il film “Italy in a day – Un giorno da italiani” prodotto da Indiana Production con Rai Cinema in associazione con Scott Free. L’incontro è previsto per Giovedì 4 Settembre alle ore 16.00 ed è riservato agli autorizzati.

Gabriele Salvatores è nato a Napoli nel 1950 ma si è trasferito giovanissimo a Milano dove si è diplomato al Liceo Beccaria. La sua formazione è avvenuta in ambito teatrale, prima all’Accademia d’Arte Drammatica del Piccolo Teatro e in seguito nel 1972 ha fondato il Teatro dell’Elfo, dove ha diretto molti spettacoli d’avanguardia, lavorando insieme tra gli altri anche con Paolo Rossi, Claudio Bisio, Silvio Orlando.
La sua avventura cinematografica ebbe inizio timidamente nel 1983 con i film “Sogno di una notte d’estate” e in seguito “Kamikazen – Ultima notte a Milano” e nel 1989 è passato definitivamente al cinema con il film “Marrakech Express”.
L’anno successivo ha girato “Turné”, ma il grande successo è arrivato subito dopo con il film “Mediterraneo”, con il quale si è aggiudicato l’Oscar per il miglior film straniero e numerosissimi altri riconoscimenti.
In seguito ha diretto tanti altri film come “Puerto Escondido”, “Sud”, “Nirvana”, “Denti”, “Amnésia”, “Io non ho paura”, “Quo vadis, Baby?”, “Come Dio comanda”, “Happy Family” “Educazione siberiana”, video clip, ha collaborato con attori come Diego Abatantuono, Fabrizio Bentivoglio, Laura Morante, Sergio Rubini, Francesca Neri, Paolo Villaggio, Christopher Lambert, Ugo Conti ecc, con scrittori come Pino Cacucci, Nicolò Ammaniti, Grazia Verasani, Nicolai Lilin, e musicisti come Fabrizio De André, Angela Baraldi.

La collaborazione di Balamòs Teatro con gli Istituti Penitenziari di Venezia e la Mostra del Cinema ha come obiettivo quello di ampliare, intensificare e diffondere la cultura dentro e fuori gli Istituti Penitenziari ed è inserita all’interno di una rete di collaborazioni che comprende anche il Coordinamento Nazionale di Teatro in Carcere, il Teatro Stabile del Veneto, il Centro Teatro Universitario di Ferrara e la Regione del Veneto.
Per il progetto teatrale “Passi Sospesi”, Michalis Traitsis ha ricevuto nell’Aprile del 2013 l’encomio da parte della Presidenza della Repubblica e nel Novembre del 2013 il Premio dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi