Home > COMUNICATI STAMPA > Gal Delta 2000: chiuso lo “study tour” del progetto Museumcultour, esperti in visita ai musei naturalistici del Delta del Po

Gal Delta 2000: chiuso lo “study tour” del progetto Museumcultour, esperti in visita ai musei naturalistici del Delta del Po

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa GAL Delta 2000

Lo “study tour” del progetto europeo Museumcultour: esperti europei in visita ai musei naturalistici dell’area balcanica e del Delta del Po

Si è chiuso sabato, dopo nove giorni itineranti sulle due sponde dell’Adriatico, lo study tour “Experience the Adriatic Museums” organizzato all’interno del progetto Museumcultour – finanziato nell’ambito del programma IPA Adriatico – di cui è partner anche il Gal Delta 2000. Grazie al tour, un gruppo di esperti del settore turistico provenienti dall’Italia e dai paesi dell’area balcanica ha potuto visitare e valutare le nuove esposizioni museali realizzate grazie al progetto.

Lo study tour è iniziato il 20 marzo da Podgorica, in Montenegro, e ha attraversato Albania, Slovenia e Croazia – visitando le diverse realtà museali presenti – per poi giungere in Italia, nell’area del Delta del Po. Qui il percorso ha previsto la visita a diversi musei del territorio: il Museo del Cervo e del Bosco di Mesola, la Manifattura dei Marinati di Comacchio, il Museo Natura di Sant’Alberto. I partecipanti hanno poi proseguito il loro viaggio verso le Marche,  dove il tour si è concluso con la visita al Museo di Mare di San Benedetto del Tronto. In poco più di una settimana, gli esperti hanno così percorso quasi mille chilometri, alla scoperta di innovative e multimediali esposizioni museali.

Per il Gal Delta 2000 ha partecipato il consigliere delegato Mauro Conficoni, esperto di turismo e manager destination. “Grazie a questo progetto – ha commentato – molti piccoli musei, compresi quelli del nostro territorio, hanno potuto aumentare la propria dotazione tecnologica. Il confronto con le realtà di oltre Adriatico è stato molto interessante: ormai la sensibilità ambientale è alta anche in quelle zone, e la stessa musealizzazione ambientale sta crescendo molto. Certo, il confronto non fa che confermare la grande ricchezza museale presente nel territorio del Delta: ma ci stimola anche a crescere ulteriormente per quanto riguarda la necessità di migliorare la messa n rete il nostro ricchissimo patrimonio”.

Nella foto, il gruppo degli esperti a Postumia, in Slovenia. Fra loro anche Mauro Conficoni, consigliere delegato del Gal Delta 2000

postumia

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi