Tempo di lettura: < 1 minuto

Pensate cosa ne sarebbe stato di “Lolita”, di Nabokov. De “La fattoria degli animali” di Orwell. De “Il pasto nudo”, di Burroughs. Di “Arancia meccanica” di Burgess. Di “Addio alle armi”, di Hemingway. Anzi, giusto: cosa ne è stato. Perchè tutti questi libri hanno rischiato di non uscire, e l’ultimo citato è stato addirittura mandato al rogo dai nazisti. Pensate se quel consigliere comunale che di mestiere fa il veterinario avesse potuto “valutarli” e decidere se una biblioteca poteva tenerli in catalogo o no. E pensate che, nella stessa città, in nome della libertà di pensiero, si terrà una mostra sul trasvolatore Balbo, meglio noto al tempo come picchiatore di braccianti al soldo dei latifondisti e mandante dell’assassinio di Don Minzoni.

 

“Quando i libri verranno bruciati, alla fine verranno bruciate anche le persone”

Heinrich Heine

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Prima di noi
Un pezzo di storia italiana nel nuovo libro di Giorgio Fontana
GLI SPARI SOPRA
2020, l’anno in cui non siamo stati da nessuna parte
PRESTO DI MATTINA
L’attesa della stella cometa
Moni Ovadia, perché Ferrara?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi