Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > GERMOGLI
Ricordando Pier Paolo Pasolini
L’aforisma di oggi…

GERMOGLI
Ricordando Pier Paolo Pasolini
L’aforisma di oggi…

pier-paolo-pasolini
Tempo di lettura: < 1 minuto

2 novembre 1975: nella notte dell’Idroscalo di Ostia viene massacrato uno dei maggiori artisti e intellettuali italiani del XX secolo, una mente lucida capace di precorrere i tempi: Pier Paolo Pasolini. Era nato a Bologna il 5 marzo 1922.
Pino Pelosi confessa e viene condannato. Nel maggio del 2005 però a Franca Leusini, conduttrice di “Ombre sul giallo” in onda su Rai3, Pelosi rivela di non essere lui l’assassino di Pasolini: ad ucciderlo sono stati tre uomini sconosciuti, che a suo dire parlavano con un accento del Sud, siciliano o calabrese. Prima di lasciarlo andare lo hanno minacciato: “Fatti gli affari tuoi, stai zitto e non parlare”.

pasolini

Pier Paolo Pasolini

Me ne vado, ti lascio nella sera
che, benché triste, così dolce scende
per noi viventi, con la luce cerea

che al quartiere in penombra si
rapprende. (Pier Paolo Pasolini)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PER CERTI VERSI
Il sonno è fatto
Sfatiamo il mito:
Il debito pubblico giapponese non è diverso da quello italiano
Cospirazione
DI MERCOLEDÌ
La misura della maturità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi