Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > GERMOGLI
Riscossa.
L’aforisma di oggi
castello-ferrara
Tempo di lettura: 3 minuti

Oggi alle 17 appuntamento in biblioteca Ariostea per parlare, a tre anni dal sisma del 20 maggio 2015, della situazione del patrimonio monumentale ferrarese, delle prospettive e dei progetti di rilancio del settore turistico. [leggi la presentazione dell’iniziativa]

italo-calvino

Italo Calvino

“Le città come i sogni sono costruite di desideri e di paure” (Italo Calvino)

 

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la giornata…
ri-scossa
Sono passati tre anni dal terremoto che ha duramente colpito l’Emilia-Romagna, molti hanno ancora nelle orecchie lo spaventoso boato di quella notte. La paura e la disperazione di chi ha perso la casa, visto crollare capannoni, negozi, edifici monumentali. Ferrara è apparsa meno colpita, forse perché dopo il sisma da cui fu investita nel Cinquecento adottò tecniche di costruzione più sicure, ma lo sfregio alla Torre dei Leoni, orgoglio del Castello Estense, ha sorpreso la città e ha aperto in modo emblematico il capitolo della ricostruzione del suo patrimonio monumentale. A che punto sono i lavori? Saremo un cantiere infinito? Ne parleranno lunedì 18 maggio, alle ore 17, in biblioteca AriosteaVirna Comini, presidente dell’Associazione guide turistiche di Ferrara e Provincia, l’architetto Andrea Malacarne di Italia Nostra, il professor Aniello Zamboni e l’ingegner don Stefano Zanella, rispettivamente direttore e vice dell’ufficio per i Beni culturali ecclesiastici.

Ri-Scossa, Ferrara a tre anni dal terremoto fra ricostruzione e ripensamenti”, organizzato dal nostro giornale in collaborazione con la Biblioteca Ariostea, vuole essere un momento di riflessione su un capitolo importante per la nostra economia che, si sa, è giocata in gran parte sulla cultura e sul turismo da essa generato. L’inagibilità di molte chiese e palazzi è un freno per lo sviluppo, ci impoverisce e ci mette in condizioni di subire la concorrenza di vicini capoluoghi emiliani e veneti il cui investimento su un maggior numero di mostre di richiamo e l’ampia offerta monumentale erode la nostra ricchezza.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
“NICOLA LODI CHIEDA SCUSA AI FERRARESI”
Un documento dopo gli insulti al collega Marco Zavagli
LA SCOMODITA’ DI ISRAELE
FERRARA IN QUARANTENA:
la cultura è una rete vuota, senza pesci e pescatori
DIMISSIONI SUBITO!
Centomila firme per liberarci di Vittorio Sgarbi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi