19 Giugno 2015

Giornata Mondiale del Rifugiato 20/06: l’accoglienza in Emilia-Romagna e a Ferrara

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 6 minuti

da: organizzatori

“Il modello di accoglienza che stiamo sperimentando in Emilia – Romagna dovrebbe diventare un esempio a livello nazionale” a dirlo è Bianca Lubreto, vice capo gabinetto della Prefettura di Bologna e membro della commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale, intervenuta ieri durante un incontro organizzato a Ferrara da Comune assieme a Cooperativa Camelot, Associazione Viale K e Città del Ragazzo, realtà del terzo settore che si occupano di migranti.
L’occasione è la Giornata Mondiale del Rifugiato, una ricorrenza istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2000, che si celebra il 20 giugno.
Il riferimento di Lubreto non è solo alla trasformazione, simbolica ma quanto mai funzionale, dell’ex centro di espulsione di Via Mattei in hub di accoglienza, ma anche del sistema di organizzazione regionale, che coordinato da Bologna, coinvolge tutte le province.
“Il nostro è un percorso di governance dal basso, partito quando ci trovavamo tutti di notte all’aeroporto Marconi a ricevere numerosi gruppi di migranti.
C’eravamo noi, le coop e le associazioni, i medici e le istituzioni. La condivisione di questa esperienza ci ha consentito di mettere a fuoco i bisogni reali. Di fronte ad una situazione per noi nuova, dovevamo inventarci qualcosa, in particolare un luogo dove concentrare la fase del primo arrivo e attivare i meccanismi necessari a dare un’identità e un nome a queste persone, che arrivavano dal mare senza liste e scomparivano in una categoria generale: annullando l’identità si annulla anche il tratto umano che li contraddistingue. Avevamo bisogno di un posto dove far scattare dei dispositivi sanitari, perché molti non avevano ricevuto cure mediche e avevano ustioni gravi per la fuoriuscita di benzina.
Attorno a questa esperienza pratica, concreta e faticosa, è nata l’idea di creare un luogo in regione dove concentrare i primi arrivi. La nostra idea fin da subito era quella di utilizzare il centro di identificazione ed espulsione di Bologna e la previsione, a luglio scorso, dell’arrivo di 250 persone, ha convinto anche il Ministero a sdoganare la trasformazione dell’ex Cie in un hub”.
All’interno dell’hub viene data la prima assistenza, espletato il foto segnalamento dalla polizia scientifica con l’inserimento delle persone in Eurodac, il censimento dei richiedenti asilo, ed effettuato lo screening medico con medici interni alla struttura.
Non ci si avvale di medici privati che costituirebbero un ulteriore costo. La media di permanenza nell’hub è di tre settimane, anche se a volte turnover è più serrato.

“Quando termina il percorso nell’hub – spiega Lubreto – le persone vengono trasferite nei centri di accoglienza attivi nelle diverse province. Nel trasferimento cerchiamo di non trascurare l’elemento dell’individualità. Quando ci rapportiamo a numeri molto consistenti, la tentazione è quella di maneggiare la quantità e perdere di vista le specificità. Invece noi teniamo conto dei rapporti di amicizia e parentela.
Inoltre dopo un anno conosciamo le specificità dei centri aperti nelle diverse province e cerchiamo di matchare le persone ai progetti.
La persona giusta nel progetto giusto è una risorsa. Il contrario è un problema”.
Dall’inizio di Mare Nostrum nel febbraio 2014, sono transitate sul territorio 6844 persone, 5244 dall’apertura dell’hub.
Questo rende in maniera concreta la capacità di risposta del modello emiliano romagnolo all’attuale situazione.
“Noi dovremmo pensare che tutte le città sono porto di arrivo.
E’ solo così che si può pensare di aprire dei percorsi reali di integrazione per chi sceglie l’Italia come destinazione definitiva. Noi siamo portati a pensare ai migranti come soggetti passivi, più o meno destinatari di atti caritatevoli o erogazioni.
Così perdiamo di vista la consapevolezza che invece portano capacità, saperi e competenze di cui abbiamo bisogno. Il nostro modello di accoglienza, fin dal primo arrivo, vuole promuovere fortemente l’autonomia di queste persone, ognuno dev’essere protagonista consapevole del percorso che lo porta a formulare una richiesta di protezione internazionale e successivamente a costruire il suo percorso di vita qui da noi”.

“Un’accoglienza diffusa permette una maggiore integrazione – ha confermato Jacopo Sarti, Coordinatore progetti di accoglienza richiedenti asilo e rifugiati della cooperativa sociale Camelot – inoltre redistribuire in regione le persone in piccoli gruppi di massimo 10 o 12 persone, permette di non impattare sulle comunità e agevolare l’integrazione”.
Dello stesso avviso è anche Chiara Sapigni, Assessore Sanità, Servizi alla Persona, Politiche Familiari Comune di Ferrara. “Il coordinamento con Bologna e la gestione nella nostra provincia stanno funzionando molto bene. Lo dimostrano alcuni esempi.
Oggi ad Expo, il nostro comune di Vigarano Mainarda, riceverà un premio per la capacità di integrazione dei richiedenti asilo che sta ospitando nel volontariato del proprio paese. Con tre associazioni di volontariato ha coinvolto gli ospiti in attività che sono per il bene di tutti.
A Masi Torello i richiedenti asilo sono stati coinvolti nella verniciatura delle scuole e nella cura del verde. A Cento (dove questa sera alle 21,30 ci sarà un concerto etnico nel piazzale della Rocca) sono impegnati nel Pedibus, un servizio di accompagnamento dei bambini da casa a scuola. Appropriamoci di questa realtà come cittadini e non cediamo alla strumentalizzazione della contrapposizione”.

“Cento e Vigarano Mainarda sono comuni molto colpiti dal terremoto eppure non hanno negato l’accoglienza”. Ha sottolineato Don Domenico Bedin dell’associazione Viale K, rispondendo implicitamente a Fabio Bergamini sindaco leghista di Bondeno, che ha affermato di non volere “profughi nel suo territorio fino a quando non sono sistemati tutti i cittadini terremotati”.
“E’ fondamentale che si pensi seriamente anche al post accoglienza – ha aggiunto Beppe Sarti, dell’Istituto Don Calabria Città del Ragazzo – ovvero a fornire ai rifugiati una formazione per affrontare la vita che li aspetta fuori dai nostri centri di accoglienza, sapendo che la loro permanenza qui è limitata nel tempo.
È importante non solo aiutarli nell’immediato, ma consentire loro di iniziare una nuova vita”.
Lo ha vissuto sulla sua pelle Jean Bosco Ngulwe Mutambala, rifugiato congolese che 10 anni fa è stato accolto a Ferrara dall’associazione Viale K.
“Poi ho fatto il mio percorso come richiedente asilo, ho ottenuto i documenti come rifugiato politico, ed ora sono responsabile della struttura di accoglienza Villa Albertina. Ci vuole coraggio.
Per fortuna c’è gente che può aiutare gli altri a crescere, ma anche noi possiamo dare alla città, bisogna rispettare la gente che c’è qui. Da quando lavoro, sono molto contento, ho fatto arrivare la mia famiglia, moglie e bambini.
Per me è stato un successo, il successo di un rifugiato che arriva ad essere integrato.
Protezione vuol dire anche integrazione nel posto dove uno arriva”.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Primi scatti da Internazionale Ferrara

  • Save The Park: oggi, alle 16,30 il flash mob al Parco Urbano Bassani
    (Lettera ad un sindaco duro d’orecchi)

  • terra ambiente economia sostenibile generazioni

    PRESTO DI MATTINA /
    Non è una utopia

  • RICERCA E SOLIDARIETÀ
    Nistagmo, questo sconosciuto

  • ELEZIONI: “Si respira aceto”
    e a seguire: “Il lavoro da morire”

  • Parole a capo
    Roberta Lipparini: “Nei titoli di coda”. Parole in libertà ma senza debordare troppo…

  • the end, fine, capolinea

    ELEZIONI: IL PD A FINE CORSA?
    Non basta un congresso e un nuovo segretario, dovrà cambiare un’intera strategia politica

  • DONNA, VITA, LIBERTÀ
    Può succedere a Ferrara…

  • Parole e figure /
    La signora Bigodino, la la la la la

  • Un’analisi del voto: Meloni, Conte, Schlein e il problema della rappresentanza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi