Home > COMUNICATI STAMPA > Giornata Mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro

Giornata Mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: CGIL-CISL-UIL

Oggi 28 Aprile ricorre la Giornata Mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro dedicata alle migliaia di vittime innocenti che muoiono ogni anno a causa delle condizioni di lavoro.
Quest’anno Cgil Cisl Uil non possono non riflettere su quanto accade per effetto dell’emergenza globale di Covid-19.
Oltre che una giornata a difesa della salute e contro le iniquità che violano la salute vorremmo che il 28 aprile desse valore e dignità a tutti i lavoratori ed in particolare a quelli che, pur essendo tra i più esposti, hanno continuato, nella pandemia, a operare nei servizi essenziali e di pubblica utilità, affrontando difficoltà immense, e in diversi casi, come gli esercenti la professione sanitaria sacrificando la loro vita.
E’ accaduto nel mondo, in Europa e nel nostro paese.
Il contagio da Covid-19 registra ad oggi oltre 3 milioni di casi e oltre 200 mila decessi nel mondo.
Sono dati imponenti che mostrano quanto sia mancata a livello planetario una strategia efficace di prevenzione e protezione dei cittadini, soprattutto dei più deboli e dei lavoratori.
E’ impressa nella coscienza di tutti la convinzione che nella ripresa i Sistemi Sanitari Pubblici dovranno avere il finanziamento necessario per assumere il ruolo guida nella definizione di welfare inclusivi contribuendo a contrastare le troppe povertà e le disuguaglianze sociali .
In questa transizione che sta mettendo a dura prova il nostro impegno per tutelare il lavoro sicuro è importante che il Protocollo siglato il 24 aprile con le imprese e assunto dal Governo venga applicato in ogni singola realtà produttiva.
E tutti dovranno vigilare affinché sia osservato, rispettato in tutte le sue parti.
Ribadiamo che la salute dei lavoratori e delle lavoratrici rimane per Cgil Cisl Uil una assoluta priorità.
Tutelare la salute dei lavoratori restituisce dignità al lavoro e a chi lo rende, riconoscendo che il lavoro è inseparabile dalla persona che lo presta e dai diritti che essa rivendica e si porta con sé come un bene dell’intera collettività.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi