Tema attuale e preoccupante è quello che concerne la disoccupazione giovanile, piaga sociale con la quale stiamo continuando a convivere.
Rifletto da giovane che sta ultimando gli studi e che tra non molto dovrà interfacciarsi con il mondo del lavoro, contesa tra paure e volontà di mettersi in gioco.
Molti decidono di intraprendere o terminare i percorsi formativi spostandosi dalla propria città natale, in modo particolare quando si tratta di piccoli centri che non dispongono di ricche offerte in merito e successivamente, sempre lì, si attivano per la ricerca di un’occupazione, più o meno stabile.
La migrazione tende verso grandi città che presentano un ricco panorama di opportunità o verso l’estero, alla ricerca di realtà nuove e stimolanti.
Valorizzare giovani imprese e iniziative che possano far crescere e mettere in luce una città come la nostra è forse una possibile soluzione per non far allontanare giovani carichi di idee e volontà o per lo meno, permettere a questi di farvi ritorno per avviare nuove e inedite progettualità.

“Il lavoro nobilita l’uomo”
Charles Darwin

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Monti, Cottarelli, l’austerità, le partite correnti, il lavoro e la movida ferrarese.
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Umanità in liquefazione
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
L’era dell’incompetenza e i rischi per la democrazia
LETTERA APERTA DI UNA VENTENNE
Noi e voi… Lasciateci sognare, lasciateci sbagliare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi