Home > COMUNICATI STAMPA > Giovedì 11/4, attraverso piante, carte antiche e corrispondenza dell’epoca, gli studenti del CPIA scoprono il quartiere Giardino all’Archivio Storico

Giovedì 11/4, attraverso piante, carte antiche e corrispondenza dell’epoca, gli studenti del CPIA scoprono il quartiere Giardino all’Archivio Storico

Tempo di lettura: 3 minuti

Da: Il Giardino Del Mondo
Alla scoperta del quartiere Giardino attraverso l’evoluzione urbanistica della città di Ferrara. Giovedì 11 aprile il laboratorio a cura dell’Archivio Storico Comunale coinvolge gli studenti del CPIA di Ferrara con la visione di piante originali, carte e corrispondenza dell’epoca che delineano la nascita del Quartiere.

All’Archivio Storico Comunale di Giuoco del Pallone 8, giovedì 11 aprile (inizio ore 15.00), gli studenti della classe I° livello del CPIA di Ferrara saranno i protagonisti di un laboratorio, curato da Corinna Mezzetti, volto alla scoperta della città estense, con particolare riferimento al quartiere Giardino, attraverso la sua evoluzione urbanistica. L’incontro è parte dell’ampio ventaglio di attività promosse da “Il Giardino del mondo”, progetto vincitore del concorso “Io amo i beni culturali” edizione 2018, bandito da IBACN Emilia-Romagna.
I ragazzi seguiranno le vicende urbanistiche ed edilizie della città estense attraverso la visione di piante originali, carte e corrispondenza dell’epoca seguendo, passo dopo passo, la nascita di un quartiere che prende forma nel volto novecentista delle sue architetture, che ancora oggi lo caratterizzano.
Le antiche piante e i documenti conservati in archivio saranno le tracce per farsi guidare in un viaggio nel passato di Ferrara: dal primo nucleo del VII secolo alla città lineare lungo il Po di Volano nel X secolo, dall’espansione verso nord con la costruzione della nuova Cattedrale nel 1135, all’Addizione di Borso del 1451 che ingloba entro le mura l’antica isola di Sant’Antonio, fino all’Addizione erculea del 1492 che espande il perimetro cittadino aprendo allo sviluppo rinascimentale della città. Nel quadro dell’evoluzione urbanistica di Ferrara, l’incontro metterà a fuoco la storia e le grandi trasformazioni che hanno interessato l’angolo sud-occidentale della città, oggi occupato dal quartiere Giardino. Tra Medioevo e Rinascimento, l’area era occupata in parte da una grande isola interna del Po, su cui gli Estensi costruirono la delizia del Belvedere; il Castel Tedaldo di età canossana, palazzi nobiliari e chiese, la delizia estense della Castellina punteggiavano la porzione cittadina affacciata sul fiume. Con l’arrivo del Papa a Ferrara nel 1598, il quartiere venne raso al suolo e destinato alla costruzione della Fortezza pontificia, che dominò il tessuto urbano fino al 1859, quando i Ferraresi ne avviarono la demolizione. La grande piazza d’Armi di metà Ottocento, animata da corse di cavalli, gare sportive ed esercitazioni militari, divenne un’occasione urbanistica cui l’Amministrazione municipale dedicò progetti ed energie nei primi decenni del Novecento. Dal piano regolatore di Ciro Contini (1911-15) e via lungo le varianti e le trasformazioni che tradussero i progetti in realtà, prese forma il nuovo quartiere. Un grande giardino avrebbe dovuto rappresentare l’anima verde del nuovo spazio cittadino, ma il parco non venne realizzato, se non ridotto ad una piccola area oggi intitolata a Giordano Bruno. Il nome che ancora oggi diamo al Quartiere rimane a memoria di una promessa “verde” purtroppo non mantenuta.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi