Home > ACCORDI - il brano della settimana > Giù la testa… e giù il cappello!

Giù la testa (Ennio Morricone, 1971)

“Giù la testa coglione!” dice John Sean Mallory (James Coburn) a Juan Miranda (Rod Steiger) in una delle scene più memorabili del film di Sergio Leone Giù la testa, per l’appunto!
Siamo in Messico, nei primi anni della rivoluzione. Juan, un peone fuorilegge, incontra Sean, un rivoluzionario irlandese. Il primo, bandito con famiglia al seguito, e il secondo, esperto d’esplosivi, uniscono le loro forze per attraversare il paese ognuno con un preciso scopo da raggiungere. Superando le reciproche diffidenze, si uniscono ai ribelli di Villa e Zapata e, dopo scontri, sparatorie, esplosioni, tradimenti, agguati e fughe, diventano essi stessi degli eroi della rivoluzione…

Lo dico a scanso di equivoci: Giù la testa non è stato il film più riuscito di Leone. Nella trilogia di cui fa parte lo relegherei decisamente all’ultimo posto, cioè dopo C’era una volta il West e soprattutto dopo C’era una volta in America, il vero capolavoro assoluto del grande regista romano.
Aggiungo che, delle due famose trilogie dirette da Sergio Leone, la sopraccitata trilogia del tempo e la trilogia del dollaro, quest’ultima è stata di certo la più azzeccata, non foss’altro per il suo protagonista: un Clint Eastwood, futuro ispettore Callaghan, dall’indiscusso carisma.
Ecco, direi che C’era una volta in America e Il buono, il brutto, il cattivo, in un’eventuale sfida per decretare il migliore fra tutti, se la giocherebbero alla pari!

Ma ho rispolverato questo classico dello spaghetti western non tanto per celebrare il film in sé quanto piuttosto la sua splendida colonna sonora. È stata infatti soprattutto la sua musica ad aver reso questo film un cult movie per intere generazioni di cinefili.
Il soundtrack di Giù la testa è un capolavoro scritto da Ennio Morricone, uno dei tantissimi capolavori firmati dal grande compositore italiano. La parte più famosa di tutta la colonna sonora è senz’altro la cosiddetta “canzone di Sean”. Si tratta del brano di chiusura del film, il cui refrain accompagna l’intera trama e culmina nelle sequenze in flashback di Sean durante il suo passato irlandese. Un motivo famosissimo anche tra chi non ha mai visto il film, e questo testimonia come spesso la musica assuma nel cinema un’importanza primaria.
Ed è proprio il caso della musica di Ennio Morricone, le cui colonne sonore hanno fatto la fortuna di film come Mission, Gli intoccabili, Nuovo Cinema Paradiso, La leggenda del pianista sull’oceano, Il mio nome è Nessuno, Per un pugno di dollari, Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo, C’era una volta il west, C’era una volta in America, Giù la testa e innumerevoli altri film in oltre sessant’anni di carriera.
Una carriera che non si può raccontare se non attraverso la musica. Perché il genio compositivo di Morricone, proprio grazie alla musica, ha fatto la storia del cinema. Magnifico esempio di sublime commistione d’arti.
Era Giù la testa… ora giù il cappello!

Commenta

Ti potrebbe interessare:
L’ossessione del sei e balle spaziali varie
Il treno di Margherita
Un Simposio pieno di cibi, musiche e divertimenti. Greci ed Etruschi con il vino sapevano anche giocare
Visions of China

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi